Studi e ricerche

In questa sezione è possibile trovare studi, analisi e ricerche di ambito locale, nazionale e internazionale inerenti tematiche della creatività e dell’industria creativa. Materiali di documentazione che forniscono informazioni o suggerimenti di lettura per chi vuole approfondire tematiche sia a carattere specifico che a carattere generale.
copertina dello scenario
ANALISI DELLE GESTIONI TEATRALI DELLA CITTA' DI GENOVA. ESERCIZI 2009-2015

L’indagine, promossa dal Comune di Genova per il quinto anno consecutivo, ha, tra i suoi obiettivi, il monitoraggio e la mappatura dei soggetti e delle realtà teatrali presenti sul territorio genovese. Un dettagliato riscontro di ciò che esiste in ambito teatrale nella città è stato il passaggio necessario per sviluppare gli obiettivi principali del progetto: attraverso l‟analisi dei soggetti e delle attività teatrali presenti sul territorio genovese - con particolare riferimento alle forme di gestione, alla diffusione e al loro radicamento sul territorio - quantificare e valorizzare l‟importante ruolo che il teatro a Genova ricopre sia dal punto di vista qualitativo che da quello quantitativo, nonché focalizzare l‟indotto che riesce a generare.
L’indagine, riguardante gli esercizi dell’anno 2015, analizza anche le serie storiche a partire dal 2009.

 

Leggi tutto
copertina dello scenario
ITALIA CREATIVA. 2° Studio sull’Industria della Cultura e della Creatività

lo studio realizzato da Ernst&Young con il supporto delle associazioni di categoria guidate da Mibact e Siae, alla sua seconda edizione, evidenzia che l’industria della cultura e della creatività ha registrato nel 2015 un valore economico complessivo di 47,9 miliardi di euro, pari al 2,96% del Pil nazionale, con un tasso di crescita rispetto all'anno precedente del 2,4% dei ricavi diretti. L'86% dei ricavi è rappresentato dalle attività della filiera creativa quali la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi, mentre il rimanente è dovuto a ricavi indiretti, ovvero quelli relativi ad attività collaterali o sussidiarie. Si tratta del terzo settore in Italia per occupazione, con 880mila occupati diretti (+1,7% sul 2014) che salgono a oltre 1 milione se si considerano gli indiretti. L'industria creativa e culturale si colloca al terzo posto in Italia da un punto di vista occupazionale dopo il settore edile e quello della ristorazione e alberghiero. Grazie all'importante contributo intellettuale, il settore è caratterizzato da un'alta concentrazione di capitale umano e ha superato filiere quali le telecomunicazioni, l'energia, l'automotive e l'alimentare.

 

Leggi tutto
copertina dello scenario
RAPPORTO 2015 - IL MERCATO E L'INDUSTRIA DEL CINEMA IN ITALIA

Ottava edizione del Rapporto. Il Mercato e l’Industria del Cinema in Italia, ricerca della Fondazione Ente dello Spettacolo e della Direzione Generale Cinema MiBACT, con il coordinamento scientifico di Redento Mori, che offre dal 2009 uno studio sul comparto cinema e audiovisivo italiano nonché un quadro dettagliato del panorama europeo e internazionale. Il rapporto analizza i punti di forza e di debolezza del settore: nel 2015 il cinema italiano ha conosciuto, in linea con la fase più recente del trend di evoluzione, una stagione contrastata: positiva sotto alcuni profili dell’attività industriale e problematica in merito al alcuni riscontri di mercato. Con la realizzazione di 185 nuovi film l'Italia ha confermato il suo decimo posto nel ranking mondiale e la sua terza posizione nella classifica europea per i titoli d'iniziativa nazionale.

 

Leggi tutto
copertina dello scenario
IO SONO CULTURA – L’ITALIA DELLA QUALITA’ E DELLA BELLEZZA SFIDA LA CRISI

La relazione annuale realizzata dalla Fondazione Symbola-Unioncamere, in collaborazione e con il sostegno dell'Assessorato alla Cultura della Regione Marche e di Sida Group espone i dati nazionali relativi alle industrie culturali, divise nei settori dello spettacolo, delle arti visive e mostre di pittura, relative all'editoria e alla produzione musicale (registrata e multimediale), oltre alle attività di progettazione creativa, industriale e architettonica e alle attività di gestione del patrimonio storico culturale. Secondo il rapporto 2016, il sistema produttivo culturale e creativo fatto da imprese, PA e non profit genera 89,7 miliardi di euro e 'attiva' altri settori dell'economia arrivando a muovere nell'insieme 249,8 miliardi, equivalenti al 17% del valore aggiunto nazionale.

 

Leggi tutto
copertina dello scenario
ITALIA CREATIVA – primo studio sull'Industria della Cultura e della Creatività

Lo studio realizzato da Ernst &Young con il supporto delle principali associazioni di categoria, guidate da MiBACT e SIAE, offre un’ampia e approfondita fotografia dell’industria italiana della Cultura e della Creatività, sui numeri e potenzialità complessive di questo comparto. Fornisce informazioni sia sul valore economico generato dalla filiera creativa, quali la concezione, la produzione e la distribuzione di opere e servizi culturali e creativi, sia circa i dati occupazionali. La rilevazione si riferisce all’anno 2014 e i settori presi in considerazione sono: architettura, arti performative, arti visive, cinema, libri, musica, pubblicità, quotidiani e periodici, radio, televisione e home entertainment, videogiochi.

 

Leggi tutto
Logo di Genova Teatro
ANALISI DELLE GESTIONI TEATRALI DELLA CITTA' DI GENOVA. ESERCIZI 2009-2013

L’indagine, promossa dal Comune di Genova per il quarto anno consecutivo, ha lo scopo di  analizzare le principali realtà teatrali genovesi con particolare riferimento alle forme di gestione, alla diffusione e al loro radicamento sul territorio per quantificare e valorizzare l’importante ruolo che il teatro ricopre a Genova, sia dal punto di vista qualitativo che da quello quantitativo. L’indagine, riguardante gli esercizi dell’anno 2013, analizza anche le serie storiche a partire dal 2009.

Leggi tutto
logo Medi@TIC
Analisi SWOT del settore audiovisivo a Genova

Una ricerca condotta nell’ambito del progetto europeo Medi@TIC, da Daniela Rimondi e Roberta Prampolini del Laboratorio Interdipartimentale CRAFTS dell’Università degli Studi di Genova, per analizzare lo stato del settore audiovisivo a Genova. La ricerca si è basata su dati secondari provenienti dalle fonti esistenti e su dati primari provenienti da un’indagine diretta attraverso la somministrazione di interviste a testimoni significativi. Il tema di fondo è il rapporto tra Industria audiovisiva e nuove tecnologie.

Leggi tutto
Analisi delle gestioni teatrali della città di Genova
Analisi delle gestioni teatrali della città di Genova

Un’indagine, promossa dal Comune di Genova, per il terzo anno consecutivo per l’analisi delle principali realtà teatrali genovesi. L’indagine si sviluppa attraverso le linee tematiche della fruizione teatrale da parte dei genovesi, dell’offerta teatrale della città e della gestione vera e propria dei teatri. L’indagine, riguardante gli esercizi dell’anno 2012, analizza anche le serie storiche a partire dal 2009.

Leggi tutto
copertina dello scenario
Studio di approfondimento sul distretto della Maddalena - Terzo Report

Considerando che l’obiettivo del progetto “Creative Cities” «mira alla costruzione e al rafforzamento di una rete internazionale dei distretti dell’industria creativa già presenti all’interno di importanti città europee e a costruire un cluster locale dell’industria creativa a Genova», al fine di approfondire le attività specificamente indirizzate al distretto Maddalena/Centro Storico, è stata realizzata una serie di attività di ricerca coerenti alle richieste poste in essere dalla committenza. L’idea di un approfondimento sul distretto della Maddalena si costituisce anche attorno alla decisione di focalizzare l’attenzione sull’acquisizione di Palazzo Senarega come sede di un centro “Arti e Mestieri”.

 

Leggi tutto
copertina dello scenario
Studio di approfondimento sul distretto della Maddalena - Secondo Report

Questo studio è la seconda fase del progetto, quella dell’indagine esplorativa, con l’ausilio di tecniche di tipo qualitativo ed il coinvolgimento di un gruppo scelto di portatori di interesse (rappresentanti del mondo produttivo e commerciale del settore impresa creativa, tecnici sia del settore pubblico che privato, amministratori pubblici e membri della società civile), che ruotano attorno alla Maddalena e alle azioni compiute con il Piano di Sviluppo Locale e il progetto Creative Cities.

 

Leggi tutto