News dal mondo creativo

aprile 2020

UN MINUTO DI DANZA AL GIORNO Resistenza poetica ai tempi di Covid -19
Un invito a creare e postare su Facebook o Instagram un minuto di danza

La Fondazione Luzzati Teatro della Tosse continua l’attività, anche a passo di danza. Insieme con Nicoletta Bernardini e Claudia Monti, docenti dei corsi DANZARE OLTRE in programma da anni alla Tosse, promuove il progetto di Nadia Vadori Gauthier UNEMINUTEDEDANSEPARJOUR / DANSE DE CONFINEMENT: un invito a creare e postare su Facebook o Instagram un minuto di danza a chiunque abbia il desiderio di compiere questo gioioso atto di resistenza poetica per far fronte alle difficili circostanze in cui ci troviamo in questo momento di emergenza. Il lavoro di Vadori era stato presentato per la prima volta al Teatro della Tosse nell’ambito del programma curato dall’ Associazione ARBALETE per la V° edizione della rassegna Resistere e Creare, il 6 dicembre 2019, con il film UNE JOIE SECRETE. Ma dopo aver visto le immagini degli italiani a cantare suonare dalle loro finestre, Nadia Vadori ha pensato di fare un appello anche ai minuti di danza delle persone, danzatori e non. La call, indirizzata a tutti senza limitazioni di età o di competenza tecnica, si è aperta sui canali della coreografa lo scorso 16 marzo e viene diffusa anche sui canali social della Fondazione Luzzati Teatro della Tosse. 

Modalità di partecipazione. 

FACEBOOK 

1) filmare a camera fissa, quadro orizzontale ( come al cinema ) per la durata di un minuto o poco più (minimo 1 minuto, massimo 1,59 sec. ), nella propria casa, in camera, sala, cucina, spazio di lavoro, negozio chiuso, giardino, terrazzo

2) scrivere la data, il luogo e l’ora e qualche parola di accompagnamento se lo desiderate + aggiungere gli hashtag #uneminutededanseparjour, il tag @uneminutededanseparjour + #teatrodellatosse #Genova

3) postare video + testo sulla pagina Facebook Une minute de danse par jour in alto di pagina. La vostra danza verrà ri-postata ogni giorno nelle news.

Inviare via email a : resisterecreare@teatrodellatosse.it

INSTAGRAM

1) nel formato video che preferite ( verticale, orizzontale o quadrato ) con gli hashtag #uneminutededanseparjour e il tag @oneminuteofdanceaday + #teatrodellatosse #Genova

2) una quindicina di danze vengono ri-postate ogni giorno in una storia 

Info:https://bit.ly/2xNqzD0

 

Progetto artistico "Il Respiro dell'Arte"
Un’operazione artistica per dare testimonianza del difficile momento che il mondo sta attraversando

Nell’angosciante emergenza del Covid-19, ART Commission promuove un’operazione artistica che dia testimonianza del difficile momento che il mondo sta attraversando.

Un gruppo scelto di artisti è chiamato a interpretare, secondo la propria visione e tecnica, quello che è il simbolo della lotta al virus, ovvero le mascherine

Le mascherine hanno una forte valenza simbolica: da un lato costituiscono il baluardo contro l’aggressività del virus e dall’altro rappresentano il segno tangibile dell’adesione di ciascuno di noi a quelle regole comportamentali che, di colpo, hanno stravolto le nostre abitudini di vita.

L’arte è chiamata, soprattutto in questo momento così difficile, a svolgere il proprio ruolo di testimone del tempo, attraverso la peculiarità del linguaggio universale che da sempre la caratterizza.

Il progetto, ideato e curato da Virginia Monteverde, è denominato “Il Respiro dell’Arte” e prevede la realizzazione di una mascherina-opera, creata durante questo periodo di clausura forzata da ogni artista partecipante.

L’operazione sarà documentata su facebook, attraverso fotografie del processo di realizzazione delle opere e le interviste della giornalista Bettina Bush agli artisti.Quando l’emergenza sarà finita, le opere saranno in mostra presso sedi espositive italiane ed europee, come testimonianza di un momento di grandi sacrifici ma anche di forte unità e umanità.
quo;emergenza sarà finita, le opere saranno in mostra a Genova, poi in Europa, a Berlino, a Copenaghen.... in tutte le città che la vorranno ospitare come testimonianza di un momento di grandi sacrifici ma anche di forte unità e umanità

SEGUI IL PROGETTO SU FB

Info: artcommission.genova@gmail.com
Virginia Monteverde:  virg.arte@gmail.com
www.facebook.com/ilrespirodellarteproject/

 

 

A Teatro con un click
Anche la rete di Genova Teatro offre spettacoli teatrali gratuiti fruibili da casa attraverso le tecnologie digitali

In questo difficile momento di limitazioni dovute all’emergenza epidemiologica, oltre ai Musei cittadini e a Palazzo Ducale, anche la rete di Genova Teatro si è attivata mettendo a disposizione gratuitamente vere e proprie stagioni teatrali attraverso la rete digitale, affiancando le iniziative del Mibact, Ministero dei Beni Culturali e del Turismo.

Ecco alcune proposte.

Il Teatro Nazionale di Genova, ha scelto di programmare sulla propria pagina Facebook alcuni spettacoli di produzione.

Il Teatro dell’Opera Carlo Felice, offre trasmissioni, a cadenza quotidiana e a orario fisso, inizio ore 20. Qui i link per seguire gli spettacoli: 
www.facebook.com/TeatroCarloFelice/ ; www.facebook.com/StreamingTeatroCarloFelice/www.youtube.com/user/TeatroCarloFelicewww.streamingcarlofelice.com/

Il Teatro Pubblico Ligure, assieme alla Compagnia Corrado d’Elia ha avviato "Racconti in tempo di peste" una vera e propria stagione teatrale con appuntamento giornaliero alle ore 12: 
www.facebook.com/raccontiintempodipeste/www.teatropubblicoligure.it/raccontiintempodipestewww.corradodelia.it/raccontintempodipeste

Il Teatro dell'Ortica, attraverso la sua pagina Facebook oltre a condividere comunicazioni di utilità sociale e culturale, propone video integrali di spettacoli teatrali di propria produzione oltre ad interessanti reportage inediti di progetti di teatro sociale.

Fanno parte della rete Genova Teatro:
Teatro Carlo Felice, Teatro Nazionale di Genova, GOG Giovine Orchestra Genovese, Politeama Genovese, Teatro della Tosse, Teatro Verdi, Teatro Sociale di Camogli, Teatro Govi, Teatro di Cicagna, Lunaria Teatro, Teatro il Sipario Strappato, TPL Teatro di Sori, Teatro Garage, Teatro Akropolis, Teatro dell’Ortica, Teatro Bloser, Auditorium Teatro Strada Nuova, Teatro dell’Arca.

Leggi di più: smart.comune.genova.it/articoli/teatro-con-un-clik

 

Call for ideas per partecipare a ReStartApp, campus residenziale e gratuito per giovani under40
Deadline 17 aprile 2020
Fondazione Edoardo Garrone è impegnata nel rilancio dell’economia appenninica, che sostiene con una progettualità dedicata all’imprenditoria giovanile. Una progettualità che si concretizza, fin dall’inizio, con il progetto ReStartApp: un campus residenziale e gratuito di 10 settimane per giovani under40 che abbiano un’idea d’impresa da realizzare sul territorio appenninico
 
Il Campus è aperto gratuitamente a un massimo di 15 partecipanti selezionati sulla base di una Call for Ideas e di un colloquio motivazionale.
 
I candidati devono rispondere a specifici requisiti:


Avere meno di 40 anni (alla data di scadenza del bando)


Essere cittadini italiani o cittadini stranieri residenti sul territorio italiano


Avere un’idea d’impresa, un’impresa costituita da meno di 18 mesi o essere titolare/socio di una rete d’imprese, negli ambiti:


– agricolo, gestione forestale, agroalimentare e dell’allevamento


– turistico, artigianale e culturale


– manifattura e terziario
 
S i cercano idee d’impresa e startup innovative e sostenibili – in ambito agricolo, agroalimentare, dell’allevamento, turistico, culturale, manifatturiero e nel settore terziario – capaci di fornire un concreto contributo al rilancio e alla valorizzazione del territorio appenninico.


SCADENZA BANDO 10 GIUGNO (PROROGA) 2020 H.13.00
 
Il Campus,residenziale e gratuito, si tiene a Fabriano (AN) dal 19 giugno al 1° ottobre 2020 – con una pausa intermedia dalle lezioni dal 3 agosto al 28 agosto.

Il piano didattico, suddiviso in 10 settimane, affronta diverse tematiche inerenti all’imprenditoria montana e viene formulato per adattarsi al meglio alle idee d’impresa dei partecipanti, che hanno la possibilità di apprendere:

tecniche di gestione dei processi produttivi rurali e di montagna;

tendenze macro e micro economiche;

teorie e strumenti di marketing tradizionale e digitale;

tecniche e strumenti per l’ottenimento di finanziamenti, contributi e agevolazioni finanziarie all’avvio per la gestione dell’impresa;

esperienze virtuose e di successo in ambito imprenditoriale e di valorizzazione del territorio;

esperienze di vita, lavoro rurale e di montagna.

Info, call, allegati: fondazionegarrone.it/campus-restartapp/?

 
 

marzo 2020

Dantedì, mercoledì 25 marzo la giornata dedicata a Dante con celebrazioni a distanza
La prima edizione con letture social del Sommo Poeta

Il 25 Marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, si celebrerà per la prima volta il Dantedì, la giornata dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal Governo.

‪Il sommo Poeta è il simbolo della cultura e della lingua italiana, ricordarlo insieme sarà un modo per unire ancora di più il Paese in questo momento difficile, condividendo versi dal fascino senza tempo.

‪L’appuntamento è per le 12 di mercoledì 25 marzo, orario in cui siamo tutti chiamati a leggere Dante e a riscoprire i versi della Commedia. Il Ministero dell’Istruzione inviterà docenti e studenti a farlo durante le lezioni a distanza. Ma la richiesta è rivolta a ciascun cittadino. E le 12 saranno solo l’orario di punta: le celebrazioni, seppur a distanza, potranno proseguire durante tutta la giornata sui social, con pillole, letture in streaming, performance dedicate a Dante, con gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante.

Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, invita gli artisti, a leggere Dante e postare i contenuti, e il Ministro dell'Istruzione; Lucia Azzolina, invita gli insegnanti a condividere sulle piattaforme on line delle lezioni la passione per uno dei testi più importanti della letteratura italiana. In questo modo i cittadini e le scuole potranno unirsi in un momento alto di condivisione, attraverso il filo conduttore della poesia.

Il Mibact e il Ministero dell’Istruzione insieme a scuole, musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi e luoghi della cultura proporranno inoltre sui propri account social immagini, video, opere d’arte, rare edizioni della Divina commedia per raccontare quanto la figura del Sommo Poeta nel corso dei secoli abbia segnato profondamente tutte le espressioni culturali e artistiche dell’identità italiana.

Al Dantedì parteciperà attivamente anche la Rai che con Rai Teche ha selezionato le lecturae Dantis interpretate dai maggiori artisti del nostro tempo che saranno programmate in pillole di 30″ nelle tre reti generaliste della Rai e su Rai Play.

Sul canale YouTube del Mibact e sul sito del Corriere della Sera sarà inoltre trasmesso un filmato, realizzato appositamente per questa prima edizione del #Dantedì con i preziosi contributi di Paolo Di Stefano, giornalista del Corriere della Sera e promotore della giornata dedicata a Dante, Alberto Casadei dell’Associazione degli italianisti, Claudio Marazzini presidente dell’Accademia della Crusca, Carlo Ossola presidente del Comitato per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante, del linguista e filologo prof Luca Serianni della Società Dante Alighieri, di Natascia Tonelli dell’Università di Siena e di Sebastiana Nobili dell’Università di Ravenna.

Info: www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_782267479.html

 

#handMADDA Idee dalla Maddalena: un canale TouTube mostra attività creative da fare a casa con i bambini
Una volta al giorno, dal lunedì al venerdì, alle ore 16

HandMADDA è un canale YouTube che offre la possibilità di seguire attività creative da poter riprodurre a casa con i bambini: semplici laboratori, ricette, fiabe e tanto altro.

L’iniziativa parte dagli educatori del Formicaio della Cooperativa sociale Il Laboratorio che, insieme a MadLab 2.0, hanno creato semplici video tutorial da condividere in famiglia in questo periodo di quarantena forzata. per vederli basta iscriversi al canale YouTube #HandMADDA: una volta al giorno, dal lunedì al venerdì, alle 16 uscirà un video: si alterneranno laboratori artistici, scientifici, culinari e non solo.

Gli organizzatori invitano associazioni, cooperative, singoli cittadini a suggerire nuove e originali  idee scrivendo a:

www.coopillaboratorio.it
comunicazione@coopillaboratorio.it
@coopillaboratorio
#sestieredellaMaddalena
#genova

MadLab 2.0
www.madlab2.it
@madlabgenova

 

 

Appello per la cultura: un sostegno immediato per la crisi dovuta al contenimento del Covid-19
Molte le firme di esponenti del mondo della cultura. E ora si può aderire online
Proseguono le adesioni all’appello lanciato il 12 marzo dagli assessori alla Cultura di 10 grandi città italiane (Roma, Milano, Firenze, Torino, Venezia, Napoli, Genova, Palermo, Bologna, Cagliari, Ancona e Bari) per chiedere misure specifiche di sostegno al reddito per i lavoratori, del settore culturale, compresi autonomi e freelance, che rischiano di essere travolti dal fermo per l’emergenza da Covid-19. Ai 10 promotori si sono aggiunti gli assessori alla cultura delle città di Verona, Brescia, Padova, Treviso, Ruvo di Puglia, Venosa, Parma, Forlì, Rovigo, Belluno, Noicàttaro, Giovinazzo, Savona, Vicenza, Fabriano, Perugia, Pesaro-Urbino e Trento.
 
Tra i firmatari: Carlo Verdone, Michelangelo Pistoletto, Roberto Bolle, Michele De Lucchi, Carla Subrizi, Giorgia, Roberto Saviano, Alessandro Michele, Antonio Monda, Domenico Procacci, Enrico Rava, Marcello Fois, Diego De Silva, che si aggiungono a Achille Bonito Oliva, Eleonora Abbagnato, Stefano Accorsi, Manuel Agnelli, Luca Argentero, Marco Bellocchio, Massimo Bray, Ascanio Celestini, Giancarlo De Cartaldo, Isabella Ferrari, Nicola Lagioia, Gigi Proietti, Leonardo Ferragamo, Paolo Sorrentino e molti altri ancora.
 
Sono state superate le 270 firme ma serve la partecipazione di tutti. Si può aderire sulla piattaforma on line http://bit.ly/firmaAppelloCultura2020.
 
 
 
 
Il Comune di Genova lancia la campagna #iorestoacasa per visitare virtualmente i musei genovesi
La cultura diventa virtuale
I musei sono chiusi al pubblico, ma la cultura non si ferma: il Comune di Genova, come altri in Italia, porta nelle case dei cittadini la bellezza e i capolavori artistici racchiusi nei principali musei della nostra città.

La cultura, dunque, diventa virtuale: basterà connettersi con i canali istituzionali del Comune (YouTube Genova More Than This; Facebook: Visit Genoa, Genovamorethanthis, Musei di Genova; Instagram: @genovamorethanthis, @museidigenova; Twitter: @GenovaEventi) per godersi l’arte, direttamente dal proprio salotto. Per una comunicazione più perfomante, verranno utilizzati gli hashtag lanciati da MiBACT #iorestoacasa e #museichiusimuseiaperti.

Cliccando sul link https://youtu.be/QSGHFNqFsjo  ci si potrà immergere nella magnificenza di Palazzo Rosso in 3D. Il video – che verrà rilanciato anche dal canale Facebook Musei di Genova e dalle stories dell’account Instagram @museidigenova – era stato realizzato in previsione della chiusura del museo per lavori di adeguamento, e avrebbe dovuto entrare a far parte dell’offerta museale. Si è però deciso di condividerlo subito con la città, per alleggerire questo momento critico.

Nei prossimi giorni, sul canale You Tube Genova More Than This si potrà partecipare al primo dei virtual tour in compagnia dei responsabili dei musei. Ad aprire la serie è Palazzo Bianco.

Il Comune partecipa all’evento su scala nazionale  “Notte Bianca Digitale”, organizzato da Invasioni Digitali e dal blogger @insopportabile, che chiude la giornata “L’Italia chiamò”, promossa da MiBACT, la grande maratona solidale per la raccolta fondi a favore della Protezione Civile.

Verranno inoltre rilanciati e condivisi video di altre istituzioni culturali genovesi, come il Teatro Carlo Felice, Palazzo Ducale e il Teatro Nazionale, oltre a performance e a momenti di intrattenimento a cura di artisti cittadini, che hanno messo la propria arte a disposizione della città per regalare momenti lieti ai genovesi

smart.comune.genova.it/comunicati-stampa-articoli/iorestoacasa-e-visito-i-musei-di-genova

 
Bookowski Genova lancia il concorso "Storie di ordinaria follia" per artisti e illustratori
Deadline 15 aprile 2020
Bookowski sostiene il mondo delle autoproduzioni editoriali e artistiche. In vari angoli della libreria, in Vico Valoria 40R a Genova, ospita libri, illustrazioni, taccuini, shopper, biglietti, cartoline realizzate da artisti spesso locali e non. Da qui nasce l’idea di questo concorso: inaugurare una linea di autoproduzioni bookowskiane realizzate ad hoc per la libreria, dando vita ad uno spazio fisico dove la sinergia tra la libreria e gli artisti che hanno piacere a creare progetti insieme possa trovare libera espressione. Possono partecipare al concorso artisti italiani e stranieri, senza alcun limite di età. La tecnica di esecuzione è completamente liberaGli artisti sono invitati a realizzare un’illustrazione utilizzabile per la realizzazione di:
• Una shopper
• Un poster
• La copertina di un taccuino (in questo caso può trattarsi anche non solo di un’unica illustrazione ma di un progetto di un taccuino completo, comprendente anche retro e eventuali interni).
 
Il bando scade il 15 aprile 2020 e la partecipazione è gratuita.
 
 “STORIE DI ORDINARIA FOLLIA”: Questo il titolo del libro che diventa anche tema del concorso, interpretabile e re-interpretabile in qualsiasi forma. L’originalità dell’illustrazione e la sua adattabilità al supporto scelto saranno i principali criteri in base ai quali le opere verranno selezionate.
La tecnica di esecuzione è completamente libera. Unica richiesta che sia stampabile e riproducibile digitalmente.
 
Durante il mese di Giugno 2020 verrà allestita (in sede ancora da definirsi) la mostra «STORIE DI ORDINARIA FOLLIA» che ospiterà tutte le opere inviate.
 
Agli artisti vincitori verrà corrisposto un contributo in denaro sotto forma di finanziamento economico per sostenere le spese di produzione del progetto artistico, oltre ad una percentuale sulle vendite del prodotto/i realizzati. I prodotti realizzati avranno un’area apposita dedicata di esposizione e vendita all’interno della libreria, e potranno altresì essere esposti e venduti dalla libreria in occasione di mercati esterni a cui la libreria decidesse di partecipare. Su tutte le opere sarà sempre indicato il nome dell’artista.
 
 
Sospesa la Rassegna di Teatro Educazione Tegras 2020
In seguito alle misure urgenti per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19
 
A seguito delle disposizioni a livello nazionale in merito alle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, sarà sospesa la Rassegna di Teatro Educazione Tegras 2020 a data da destinarsi, presumibilmente ad inizio nuovo a.s., pertanto sono annullati gli effetti del relativo Bando di selezione adottato con Determinazioni Dirigenziali n. 2020/197.0.0/7 e n. 2020/197.0.0/9.