News dal mondo creativo

maggio 2020

MuseumWeek Genova
Il primo evento culturale virtuale a livello mondiale sui social media, che si svolge tra l’11 e il 17 maggio
I musei di Genova partecipano per il secondo anno consecutivo alla MuseumWeek, il primo evento culturale virtuale a livello mondiale sui social media, che si svolge tra l’11 e il 17 maggio con il supporto di UNESCO e il sostegno di Europa Nostra. Sette temi, uno per ogni giorno, verranno raccontati sulle pagine Facebook e Instagram dei Musei di Genova, Twitter GenovaEventi e sui canali social di tutti gli altri musei che partecipano all’iniziativa.
 
Ecco gli hashtag: #HeroesMW #CultureInQuarantineMW #TogetherMW #MuseumMomentsMW #ClimateMW #TecnologyMW #DreamsMW Tutti possono partecipare: basta pubblicare sul proprio profilo una foto inerente al tema del giorno e aggiungere l’hashtag #museidigenova.
 
Hanno aderito alla MuseumWeek: Museo di Palazzo Reale, Gallerie Nazionali di Palazzo Spinola, Musei di Strada Nuova, Museo del Genoa, Museo del Risorgimento, Archivio Storico, Castello D’Albertis – Museo delle Culture del Mondo, Archivio Storico, Museo di Storia Naturale G. Doria, Lanterna di Genova, Viadelcampo29r, Museo di Archeologia Ligure, Museo di Villa Croce, Museo Diocesano, Collezioni Tessili, Villa del Principe, Musei di Nervi (Gam, Raccolte Frugone e Wolfsoniana), MU.MA (Galata Museo del Mare, Museo Navale di Pegli e Commenda di Prè) e Museo di Sant’Agostino.
 
Info:
Al via il bando culturability promosso da Fondazione Unipolis
Deadline 16 giugno 2020
Nell’attuale fase di emergenza sanitaria generata dal Coronavirus, Unipolis ha deciso di confermare la prevista apertura della call. In un momento di profonda crisi​ culturale, economica e sociale, si intende così offrire un supporto alle tante organizzazioni culturali in difficoltà, che continueranno nei prossimi mesi ad accusare gli effetti della chiusura dei propri spazi e dell’annullamento dei loro eventi avvenuti in questi mesi.
 
Una sesta edizione profondamente rinnovata negli obiettivi, tempi e destinatari. Il programma è indirizzato a centri culturali rigenerati già attivi, in cui si sviluppano processi di innovazione culturale con impatto sociale e civico, e si sperimentano nuove logiche di collaborazione con le comunità locali. culturability 2020 si propone di accompagnare in un percorso di crescita e consolidamento che durerà fino al 2022 i migliori centri culturali italiani.
 
Fra le proposte pervenute, ne saranno selezionate 15 che avranno l’opportunità di partecipare a un camp nel prossimo mese di settembre. Tra queste, una Commissione di Valutazione individuerà i 4 centri che accederanno a un percorso di supporto che dura fino a un anno e mezzo, attraverso tre forme di sostegno:  
  • grant, in forma di erogazione liberale, per un valore massimo di 90 mila euro per centro;
  • con​tributi econom​ici, in forma di voucher, per un valore massimo di 30 mila euro per centro, da usare per attività di consulenza, ricerca e sviluppo, formazione;
  • accompagnamento e supporto continuo da parte di un team di mentor, per un valore massimo di 25 mila euro per centro
Il sostegno sarà erogato in tre tranche, in funzione del raggiungimento di obiettivi e risultati concordati all’inizio del percorso. Il budget complessivo del bando, che include contributi ai beneficiari e costi di tutte le attività di supporto, è pari a 600 mila euro.
 
La call chiude il 16 giugno 2020 alle ore 13. I progetti possono essere presentati esclusivamente online tramite un apposito form su questo sito (culturability.org). Non verranno ammessi progetti inviati oltre quell’orario o con altri mezzi.  ​​
 
L’edizione 2020-22 del bando è promossa dalla Fondazione Unipolis in collaborazione con un’ampia rete di partner, portatori di visioni e competente differenti che verranno messe a disposizione dei partecipanti al percorso. Con il supporto di: Direzione generale Creatività Contemporanea del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismoCoopfond. Con il patrocinio di ANCI. Con la partnership di: Ashoka Italiaa|e ImpactAvanzicheFareDamsLabFondazione FitzcarraldoNESTA Italia.
 
 
Palazzo Ducale, Teatro Nazionale di Genova, Acquario di Genova e Teatro Carlo Felice #insieme per far ripartire la cultura
Si chiama #Insieme ed è la proposta digitale di Palazzo Ducale da un’idea di Luca Bizzarri

Fare rete attraverso la rete. Questa in sintesi l’azione di #Insieme, la proposta digitale di Palazzo Ducale che, partita da un’idea di Luca Bizzarri, Presidente di Palazzo Ducale,  ha subito intercettato l’adesione di Davide Livermore (Direttore Teatro Nazionale di Genova), Beppe Costa (Presidente e ad di Costa Edutainment) e Claudio Orazi (Sovrintendente Teatro Carlo Felice) e il sostegno di Iren. Il tutto nella convinzione che il binomio cultura e digitale, anche alla luce del distanziamento sociale imposto dall’emergenza Covid-19, sia sempre più strategico.

Il web e le sue potenzialità non solo sono uno strumento di fruizione culturale e di intrattenimento, ma possono essere luogo di costruzione di un pubblico nuovo, così come di fidelizzazione di quello consueto e, soprattutto di sperimentazione e innovazione in funzione della sfida cui è chiamato chi opera in questi settori: ripensare il futuro con creatività.

Da qui il progetto che unisce Palazzo Ducale, Teatro Nazionale di Genova, Teatro Carlo Felice, Acquario di Genova, rispettivamente con “La mostra che non c’è”, “Lo spettacolo che non c’è”, “L’opera che non c’è” e “L’Acquario che non c’è”.

Per “La mostra che non c’è. Capolavori genovesi nel mondo” al Ducale verranno fatte brevi presentazioni, di circa tre minuti per raccontare opere d’arte legate alla storia genovese e oggi conservate in musei del mondo o in collezioni private, una dopo l’altra per costruire un percorso ideale dove le suggestioni artistiche si mescolano con quelle storiche.

«Niente ci impedisce di immaginare, e anzi di immaginare in grande − commenta Livermore, direttore del Teatro Nazionale di Genova − Così abbiamo ideato uno spettacolo dal cast a dir poco sorprendente. Invito gli spettatori a scoprirlo sul nostro sito e divertirsi con noi». Il Teatro Nazionale per "Lo spettacolo che non c'è" ha pensato ad uno spettacolo dal cast a dir poco sorprendente che gli spettatori sono inviati a scoprire sul sito.

Il Teatro Carlo Felice invita tutti all’opera nello spirito di un’antica rinascita, infatti per l’occasione riapre le porte del teatro esattamente come nella primavera del 1828, con Bianca e Fernando di Vincenzo Bellini, dramma ridotto a nuova e miglior forma dal nostro Felice Romani.

L’Acquario di Genova porterà invece all’attenzione una specie che non potrebbe mai essere ospitata in un acquario, ma che rischia di scomparire anche dal suo habitat naturale: La megattera, uno dei cetacei più spettacolari e antichi di questo pianeta, attraverso le immagini del murales che attualmente ospitati in Acquario all’interno del padiglione cetacei e realizzato dal giovane artista Riccardo Buonafede nell’ambito di Life Beyond Plastic.

Le iniziative di Palazzo Ducale, dell’Acquario di Genova e del Teatro Nazionale di Genova saranno visibili da venerdì 8 maggio sui i seguenti siti: 

www.palazzoducale.genova.itwww.acquariodigenova.itteatronazionalegenova.it.

In data da definire a breve quella del Teatro Carlo Felice sul sito www.carlofelicegenova.it

Il primo appuntamento sarà venerdì 8 maggio alle 21 in prima visione Facebook con Serena Bertolucci e La Madonna della Giustizia ( 1620 – 1625 ) commissionata a Bernardo Strozzi proprio per Palazzo Ducale e oggi conservata al Museo del Louvre.

E' possibile acquistare anche il "biglietto che non c'è" facendo una libera donazione su PayPal (https://palazzoducale.genova.it/paypal/) oppure un bonifico utilizzando l’IBAN IT13K0617501400000007326380, Swift code CRGEITGG04 -Banca Carige sede di Genova inserendo la causale “DUCALEGE DONAZIONE”.

Comune di Genova: bando di gara per assegnare in concessione d’uso a canone agevolato una parte di Villa Gruber a Genova Castelletto per lo svolgimento di attività di interesse culturale
Il termine per la presentazione delle domande è stato prorogato al 23 giugno 2020

Il Comune di Genova ha indetto una selezione pubblica per l’assegnazione in concessione d’uso per quindici anni, a canone agevolato, della porzione dell’immobile Villa Gruber situata in Corso Solferino civ. 29 – Genova (composta dal piano terra e dai primi due livelli del corpo principale della villa) per lo svolgimento di attività’ di interesse culturale.

Possono partecipare alla selezione gli enti del terzo settore che svolgono le attività aventi ad oggetto:

interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio;

organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e 3 della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale;

organizzazione e gestione di attività turistiche di interesse sociale, culturale o religioso;

riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata.

La riqualificazione della porzione di bene oggetto di concessione, attraverso gli interventi di recupero, restauro, ristrutturazione necessari (ad eccezione del rifacimento delle coperture) sarà posta a carico del concessionario. Le spese sostenute dal concessionario verranno detratte dal canone pieno

E' possibile candidarsi entro il 23 giugno 2020 (data prorogata)

Il bando, la domanda di partecipazione e le planimetrie sono disponibili sul sito del Comune di Genova al link: www.comune.genova.it/content/bando-di-gara-l%E2%80%99assegnazione-concessione-d%E2%80%99uso-canone-agevolato-di-porzione-dell%E2%80%99immobile-de

 

 

Il 30 aprile è la Giornata internazionale del Jazz 2020
Si celebrerà virtualmente. A Genova assenti club, associazioni e operatori del settore
Il 30 aprile è la Gionata Internazionale del Jazz che quest’anno viene necessariamente celebrata in tutto il mondo in modo virtuale a causa dell’emergenza Covid-19.  In Italia in collaborazione con Umbria Jazz alle 22 andrà in onda sulle frequenze di Radio Monte Carlo una puntata speciale del programma "Monte Carlo Nights" dal titolo "Songs of Hope and Joy".
 
Il padrone di casa Nick the Nightfly ospiterà virtualmente in studio un grande concerto che riunirà sette importanti artisti della scena jazz: Stefano Bollani, Danilo Rea, Rita Marcotulli, Dado Moroni, Julian Olivier Mazzariello, Giovanni Guidi, Sade Mangiaracina si esibiranno, ognuno a casa propria, in un inedito live dedicato alla Giornata.
 
Tra i partecipanti, il genovese Dado Moroni, afferma che è apprezzabile mantenere in vita il jazz con i social ma esclusivamente in una situazione emergenziale perché alla musica virtuale manca una componente essenziale, il pubblico, che con  le sue reazioni e la sua partecipazione durante i concerti indica la strada ai musicisti.
 
Non partecipano invece alle celebrazioni di oggi i club, le associazioni, e gli operatori del mondo del Jazz a Genova che esprimono le loro motivazioni di rimanere in silenzio nel seguente comunicato: www.facebook.com/internationaljazzdaygenova/posts/3276874165682524
 
 
La Fondazione Compagnia di San Paolo lancia il bando “RINCONTRIAMOCI: sostegno agli spazi culturali, civici e d’incontro del territorio
Il bando è rivolto a enti non profit che gestiscono spazi aperti alla cittadinanza nei territori del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. Deadline 4 Maggio.

La Fondazione Compagnia di San Paolo, nell’ambito dell’Obiettivo Cultura – Missione partecipazione, lancia il bando “RINCONTRIAMOCI: sostegno agli spazi culturali, civici e d’incontro del territorio” finalizzato alla sopravvivenza, promozione e rilancio dei presidi territoriali culturali e civici che al termine dell’emergenza COVID-19 svolgeranno il compito di restituire fiducia nelle relazioni, nella prossimità e più in generale nella partecipazione attiva.

La call è rivolta a spazi, aperti al pubblico e alla cittadinanza con frequenza costante, gestiti o co-gestiti da enti non profit che fungono da presidi culturali e civici con focus su un territorio o una comunità specifica e quindi caratterizzati da una forte relazione con chi li frequenta e da un alto grado di accessibilità; sono spazi di inclusione culturale e sociale, multidisciplinari, fruiti con funzioni diverse, gestiti in modo imprenditoriale.

La loro sede deve essere situata in Piemonte, Liguria o Valle D’Aosta.

I richiedenti dovranno fornire una bozza di piano di mantenimento e rilancio della propria attività in funzione della situazione attuale e quale tipo di investimento sarebbe utile per prepararsi a svolgere il proprio ruolo nel futuro prossimo, quale riorientamento delle attività alla luce di nuove condizioni e bisogni emersi.

Le iniziative dovranno essere presentate entro il 4 maggio 2020 all’indirizzo mail missionepartecipazione@pec.compagnia.torino.it, con oggetto nome dell’ente proponente e nome del bando “RINCONTRIAMOCI_ sostegno agli spazio culturali, civici e d’incontro del territorio”.

Info: www.compagniadisanpaolo.it/ita/Bandi-e-scadenze/Bando-Rincontriamoci

A maggio si rinnova sul web l'appuntamento coi Rolli Days a Genova
Dal 16 al 23 maggio i Palazzi genovesi Patrimonio Unesco porteranno arte e storia nelle case

Genova conferma l’appuntamento primaverile con i Rolli Days e lo rilancia per un’intera settimana: dal 16 al 23 maggio le porte dei Palazzi genovesi Patrimonio Unesco si apriranno sul web per portare l’arte e la storia nelle case di tutti gli appassionati.

Questa edizione dei Rolli Days sfrutta le potenzialità del digitale per portare le persone laddove non si sarebbe potuti andare. Vengono comunque mantenuti i punti forti che contraddistinguono l'evento: qualità dei contenuti, che affondano sempre le radici nella ricerca scientifica; partecipazione dei giovani professionisti delle humanities come ambasciatori culturali della città; stretta collaborazione tra gli enti partecipanti. E grazie a questa potenzialità l'evento durerà una settimana, non si sarebbero potuti aprire 10 palazzi per una settimana se non sul web.

Non mancano alcune novità: nelle giornate del 16 e 17 maggio, una serie di video inediti porterà all’interno di alcune delle dimore più prestigiose, alcune delle quali verranno mostrate al pubblico per la prima volta: sarà quindi possibile vivere una esperienza simile a quella dell’evento in prima persona, attraversando le sale, scoprendo le architetture, ammirando le opere d’arte. Saranno presentati palazzi di assoluta eccellenza e qualità, in alcuni dei quali, per ragioni di spazi, non sarebbe comunque possibile far entrare il pubblico. Per esempio,sarà possibile entrare in anteprima negli spazi di Palazzo Interiano Pallavicino in piazza Fontane Marose, di scoprirne la decorazione pittorica e ad affresco, l’eccezionale arredo scultoreo e i giardini; il palazzo sarà presto aperto e fruibile per il pubblico, la Rolli Days Digital Week sarà la prima occasione per scoprirne tutta la bellezza.

Palazzo Stefano Squarciafico in piazza Invrea, aprirà virtualmente le sue porte per mostrare le tracce degli affreschi di Ottavio Semino, con la raffigurazione del celebre “Ratto delle Sabine”. Anche Palazzo Spinola Pessagno in salita Santa Caterina, oltre alla splendida facciata, rivelerà per la prima volta anche la decorazione interna, che attraverso le opere dei più prestigiosi artisti genovesi del Cinquecento, racconta il legame fra Genova e l’imperatore Carlo V. Come nelle precedenti edizioni dell’evento, la competenza e le conoscenze dei giovani divulgatori scientifici accompagneranno la visita, raccontando le vicende dei protagonisti, le storie narrate nelle opere d’arte, la straordinaria qualità della civiltà dell’abitare della Genova rinascimentale e barocca

L’appuntamento con i Palazzi dei Rolli proseguirà per tutta la settimana successiva, fino a sabato 23 maggio, con video dedicati ad ulteriori siti e approfondimenti che permetteranno a tutti di godere della bellezza del patrimonio culturale genovese; e con qualche deviazione golosa, in collaborazione con Camera di Commercio e con il circuito “Genova Gourmet”, per scoprire anche le prelibatezze della cucina genovese tradizionale.

Sul sito visitgenoa.it sarà presto disponibile il programma di dettaglio, con gli orari di programmazione dei video nelle due giornate del 16 e 17 maggio e con il palinsesto della Rolli Days Digital Week. L’evento Rolli Days Digital Week sarà promosso anche sulle pagine Facebook Visit Genoa e Genovamorethanthis e sul canale Instagram @Genovamorethanthis. Hashtag ufficiali: #RolliDays e #Genovamorethanthis Rolli Days Digital Week

Info: smart.comune.genova.it/comunicati-stampa-articoli/rolli-days-digital-week

 

aprile 2020

Call for ideas per partecipare a ReStartApp, campus residenziale e gratuito per giovani under40
Deadline prorogata al 10 giugno 2020

Fondazione Edoardo Garrone è impegnata nel rilancio dell’economia appenninica, che sostiene con una progettualità dedicata all’imprenditoria giovanile. Una progettualità che si concretizza, fin dall’inizio, con il progetto ReStartApp: un campus residenziale e gratuito di 10 settimane per giovani under40 che abbiano un’idea d’impresa da realizzare sul territorio appenninico

Il Campus è aperto gratuitamente a un massimo di 15 partecipanti selezionati sulla base di una Call for Ideas e di un colloquio motivazionale.

I candidati devono rispondere a specifici requisiti:

Avere meno di 40 anni (alla data di scadenza del bando)

Essere cittadini italiani o cittadini stranieri residenti sul territorio italiano

Avere un’idea d’impresa, un’impresa costituita da meno di 18 mesi o essere titolare/socio di una rete d’imprese, negli ambiti:

– agricolo, gestione forestale, agroalimentare e dell’allevamento

– turistico, artigianale e culturale

– manifattura e terziario

Si cercano idee d’impresa e startup innovative e sostenibili – in ambito agricolo, agroalimentare, dell’allevamento, turistico, culturale, manifatturiero e nel settore terziario – capaci di fornire un concreto contributo al rilancio e alla valorizzazione del territorio appenninico.

SCADENZA BANDO 10 GIUGNO (PROROGA) 2020 H.13.00

Il Campus,residenziale e gratuito, si tiene a Fabriano (AN) dal 14 settembre al 26 novembre 2020 con una pausa intermedia delle lezioni dal 17 al 25 ottobre.

Il piano didattico, suddiviso in 10 settimane, affronta diverse tematiche inerenti all’imprenditoria montana e viene formulato per adattarsi al meglio alle idee d’impresa dei partecipanti, che hanno la possibilità di apprendere:

tecniche di gestione dei processi produttivi rurali e di montagna;

tendenze macro e micro economiche;

teorie e strumenti di marketing tradizionale e digitale;

tecniche e strumenti per l’ottenimento di finanziamenti, contributi e agevolazioni finanziarie all’avvio per la gestione dell’impresa;

esperienze virtuose e di successo in ambito imprenditoriale e di valorizzazione del territorio;

esperienze di vita, lavoro rurale e di montagna.

Info, call, allegati: fondazionegarrone.it/campus-restartapp/?

 

Teatro della Tosse e Goodmorning Genova: Il mistero dei Tarocchi per la prima volta sul web
Lo storico spettacolo di Tonino Conte e Gian Piero Alloisio in una nuova versione da costruire insieme agli spettatori

In omaggio a Tonino Conte, Il mistero dei Tarocchi, spettacolo tra i più rappresentativi e amati del Teatro della Tosse, arriva per la prima volta in versione per il  web, sul canale di intrattenimento Goodmorning Genova.

Lo spettacolo sarà il primo appuntamento della nuova rubrica “Colpi di Tosse” proposta da Goodmorning Genova, network di comunità, piazza virtuale, spazio di creatività, pensiero e informazione che sfida la distanza fisica, le resiste.

La rubrica, curata in esclusiva per il canale dal Teatro della Tosse, sarà l’inizio  di una nuova avventura artistica che programmerà contenuti teatrali, pensati e realizzati ad hoc, senza tradire la propria tradizione di coinvolgimento  diretto del pubblico.

Darà corpo e voce agli Arcani Maggiori un cast tutto nuovo e di prim’ordine.

22 interpreti, tra nomi storici e più recenti della compagnia – Gian Piero Alloisio, Alessandro Bergallo, Alberto Bergamini, Nicholas Brandon, Enrico Campanati, Massimiliano Caretta, Sara Cianfriglia, Pietro Fabbri, Lisa Galantini, Susanna Gozzetti, Sara Nomellini, Aldo Ottobrino, Sarah Pesca, Veronica Rocca, Graziano Sirressi, Mariella Speranza  – e alcuni tra i migliori artisti della scena italiana – Francesca Agostini, Mauro Lamantia, Rosario Lisma ,Valentina Picello, Michele Santeramo, Michele Sinisi – che negli anni hanno collaborato con il Teatro e che hanno accolto con entusiasmo e generosità questa sfida riunendosi (solo virtualmente perché ogni attore racconterà da casa la storia del proprio Arcano) in un sentito omaggio a Tonino Conte, a pochi giorni dalla sua scomparsa.

Ad aprire il racconto sarà il Bagatto (Enrico Campanati), come nella versione dello spettacolo dal vivo.

Agli spettatori online verrà chiesto di commentare, indicando quale arcano si vorrebbe incontrare nella puntata successiva, per costruire insieme al pubblico il percorso che consentirà di arrivare a vedere  tutte e 22 le carte.

Non potendo diversificare i percorsi, in questa edizione sarà la maggioranza a decretare il cammino: gli spettatori che avranno risposto riceveranno in cambio digitalmente la carta a colori dell’arcano appena incontrato.

Le puntate avranno inizio il giorno di  Pasqua, domenica 12 aprile, alle ore 19.30 e saranno trasmesse online su pagina Facebook, profilo Instagram e canale YouTube di Goodmorning Genova; continueranno poi  tutti i mercoledì, venerdì e domenica alla stessa ora.

IL MISTERO DEI TAROCCHI
Il mistero dei tarocchi è stato senza dubbio – per la sua strana combinazione di mistero e di colore, di gioco contemporaneo e di spirito arcaico, di divertimento e di inquietudine – uno dei più amati spettacoli del Teatro della Tosse.
Sempre rappresentato in spazi particolarmente vasti (castelli, borghi medievali, suggestive cornici storiche) per ricreare il magico labirinto dei tarocchi, nacque al Forte Sperone nel 1990. Numerose da allora sono state le riprese di successo: sempre al Forte Sperone, ai Parchi di Nervi, ad Apricale, nel Parco di Villa Celimontana a Roma, nel Castello Svevo di Trani, alla Cittadella di Alessandria.

 

 

Torna il bando culturability di Fondazione Unipolis
Il programma per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale

Il prossimo 15 aprile torna il bando Culturability, il programma della Fondazione Unipolis per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale. L'annuncio arriva dalla Fondazione che sottolinea anche che la sesta edizione sarà profondamente differente rispetto a quelle precedenti, avendo dovuto riattualizzare  obiettivi e destinatari del programma in questa nuova fase di emergenza sanitaria.

Alla Fondazione spiegano che la scelta di proporre il bando nonostante la situazione è stata fatta per rispondere ai seguenti obiettivi:

offrire un supporto all​e tante organizzazioni culturali in difficoltà, che continueranno nei prossimi mesi ad accusare gli effetti della chiusura dei propri spazi e dell'annullamento dei loro eventi in queste settimane;
per garantire nuove occasioni di bellezza, aggregazione e confronto con e per le comunità, quando sarà tornare a incontrarsi;
perché c'è bisogno di pensare e progettare anche al di là delle urgenze immediate, programmando e immaginando il futuro con uno sguardo sostenibile.

Dal 15 aprile tutte le informazioni sul bando saranno disponibili sul sito culturability.org, inoltre per presentare il bando 202 si terrà un evento in streaming di cui la Fondazione comunicherà le modalità per partecipare. E' possibil seguire gli aggiornamenti sugli account di culturability Facebook; Instagram; Twitter