News dal mondo creativo

agosto 2019

Il Comune di Genova lancia una call for ideas per la creazione del logotipo delle Botteghe storiche
Deadline 30 settembre 2019

Sono state presentate le quattro nuove botteghe storiche e i tre locali di tradizione, che si aggiungono alle trentanove botteghe storiche già esistenti e ai diciannove Locali di tradizione e un Locale di interesse culturale riconosciuti in precedenza. Tutti negozi e attività artigianali attivi da almeno 50-70 anni, ma molti da 200 anni e anche più.

Da agosto 2019 entrano a far parte della short-list Abbigliamento Athos, Antica Farmacia della Maddalena, Abbigliamento Costa, Elettrauto Battifora (botteghe) e Butteghetta Magica, Gastronomia De Micheli, Merceria Rosellini (locali di tradizione).

Per renderli tutti riconoscibili at glance è stata lanciata, a creativi genovesi e non, una call per la realizzazione di un logotipo.

L’obiettivo è la valorizzazione di queste eccellenze genovesi che hanno la caratteristica di conservare elementi architettonici, arredi, attrezzature o strumentazioni storiche originali e ancora funzionanti, oltre custodire documenti e immagini che testimoniano la storia delle attività e del contesto ambientale.

Il progetto grafico selezionato da una Commissione, composta da Comune di Genova e Camera di Commercio, riceverà un contributo di 2.500 € a fronte dei quali l’ideatore cederà tutti i diritti di utilizzo all’Ente civico.

La domanda deve essere presentata entro le ore 12 del 30 settembre 2019.

Per maggiori informazioni:

Albo Botteghe e dei Locali storici del territorio: smart.comune.genova.it/contenuti/albo-delle-botteghe-storiche-locali-di-tradizione-locali-di-interesse-culturale

Call for Ideas: smart.comune.genova.it/form/botteghestoriche

Sito web curato dalla Camera di Commercio dedicato: www.botteghestorichegenova.it/it/home

 

 

Comune di Genova: selezione di proposte per la valorizzazione dello Spazio Polivalente “Teatro Altrove”
Deadline 16 settembre 2019

Il cinquecentesco Palazzo Fattinanti Cambiaso situato nel Sestiere della Maddalena di Genova, grazie a interventi di restauro e ristrutturazione eseguiti dal Comune di Genova ha ospitato negli ultimi anni un centro culturale polivalente dotato di uno spazio teatrale finalizzato alla realizzazione di eventi teatrali, cinematografici, musicali e di intrattenimento. Il Comune di Genova intende valorizzare tale spazio polivalente quale connettore culturale e sociale in grado di attrarre dentro il quartiere la restante parte della città e capace di entrare, con un’offerta qualificata, nella rete teatrale cittadina e nazionale.

Nell’ambito della tematica delle partnership pubblico-privato, il Comune di Genova ha maturato negli ultimi anni esperienza attraverso un Progetto Europeo di cooperazione transfrontaliero triennale denominato "Forget Heritage" (www.forgetheritage.eu), approvato nell'ambito del Programma Europeo "Interreg Central Europe", che si propone di promuovere la cooperazione tra città europee per l'individuazione di tecniche di management in partenariato tra soggetti pubblici e privati, finalizzate alla riqualificazione di spazi o edifici urbani sottoutilizzati attraverso l'insediamento di attività culturali/creative.

A tal fine, l'Amministrazione Comunale seleziona una proposta per la valorizzazione del centro culturale polivalente denominato “Teatro Altrove” che potrà potenzialmente prevedere la realizzazione di attività di seguito elencate a titolo esemplificativo: spettacoli teatrali, cinematografici e musicali; iniziative per bambini e famiglie; eno-gastronomia; laboratori corporate ed eventi privati; mostre; biblioteca.

Possono partecipare alla selezione tutti i soggetti (diversi da persone fisiche) che operano nel settore culturale/creativo. Il bando scade lunedì 16 settembre 2019.

Al termine dei lavori della Commissione, sul sito www.comune.genova.it, nella Sezione Bandi e gare – Settore Cultura, indicativamente a partire da martedì 15 ottobre 2019, saranno pubblicati gli esiti.

Bando e documenti allegati sono disponibili sul sito del Comune di Genova al link:
www.comune.genova.it/content/selezione-di-proposte-la-valorizzazione-dello-spazio-polivalente-%E2%80%9Cteatro-altrove%E2%80%9D

 

Sampierdestate 2019 – Cinema all’aperto a Sampierdarena
Da lunedì 29 luglio a sabato 14 settembre

La stagione 2019-2020 del Club Amici del Cinema inizia a fine luglio e all’aperto con SAMPIERDESTATE, una rassegna che si terrà dal 29 luglio al 14 settembre in Via Carlo Rolando 15 nel giardino adiacente alla sala cinematografica. Tutte le proiezioni inizieranno alle ore 21 e in caso di maltempo si terranno all’interno della sala attigua del Club Amici del Cinema.

Si inizia lunedì 29 luglio con il film d’animazione “Asterix e il segreto della pozione magica” di Alexandre Astier e Louis Clichy, in una serata realizzata in collaborazione con i L.E.T. (Laboratori Educativi Territoriali) del Comune di Genova.
Oltre al cartoon francese, nel corso della rassegna saranno proiettati anche altri titoli per ragazzi, quali “Dumbo”, la rivisitazione di Tim Burton del classico Walt Disney (mercoledì 7 e giovedì 8 agosto) e “Il ritorno di Mary Poppins” di Gary Marshall (mercoledì 14 e giovedì 15 agosto), sequel dell’indimenticabile musical del 1964.

Sampierdestate non è però solo cinema per ragazzi, e intende infatti proporre anche alcuni dei film più premiati e apprezzati dell’anno, come il vincitore dell’Oscar al “miglior film” “Green Book” di Peter Farelly (venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 agosto), il Premio alla Regia a Cannes 2018 “Cold War” di Pawel Pawlikowski (mercoledì 11 e giovedì 12 settembre) e “Bohemian Rhapsody” di Bryan Singer (venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 agosto), il film che ha messo d’accordo pubblico e Academy Awards, ottenendo grandi incassi al box office e vincendo quattro Oscar, tra cui quello come “miglior attore”, andato a Rami Malek per la sua interpretazione di Freddie Mercury.

E oltre ai film premiati, “Sampierdestate” dedica uno spazio anche a opere meno viste conosciute, come “La donna elettrica” di Benedikt Erlingsson (lunedì 12 e martedì 13 agosto), “Un valzer tra gli scaffali” di Thomas Stuber (lunedì 26 e martedì 27 agosto), “Il gioco delle coppie” di Olivier Assayas (lunedì 2 e martedì 3 settembre) e “Il mio capolavoro” di Gaston Duprat (venerdì 13 e sabato 14 settembre).
E per una visione più ampia l’arena non dimentica di proiettare anche il documentario “Le Grand Bal” di Laetitia Carton, programmato per lunedì 5 e martedì 6 agosto.

Per maggiori informazioni e per il programma completo: www.clubamicidelcinema.it e Pagina Facebook Club Amici del Cinema

 

Cinema sotto le stelle: Circuito Cinema al Ducale 2019
Terza edizione della rassegna cinematografica estiva nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale

La terza edizione di Circuito Cinema al Ducalel’Arena estiva ospitata nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale, prevede un calendario diviso in due parti: la prima si terrà dal 5 al 31 luglio 2019 ore 21.30, la seconda parte dal 1 al 31 agosto.

In uno spazio ricco di storia, tra le colonne e sotto le stelle, si potranno seguire le storie più amate dal pubblico nella stagione cinematografica appena conclusa. Nel 2019 la rassegna è stata accolta con successo e un’ottima partecipazione di pubblico, in tutto circa settemila spettatori.

La rassegna di luglio prende il via con la collaborazione con il Cine&Comic Fest e il Porto Antico, che vede la partecipazione alle proiezioni di ospiti d'eccezione come Ilenia Pastorelli, Isabella Ragonese, Linda Caridi e Luca Argentero.

La stagione estiva è organizzata da Circuito Cinema Genova in collaborazione con Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.

Tariffe   
intero € 8 | ridotto € 7

Sono validi gli ABBONAMENTI Circuito Cinema Genova

Biglietteria
Ė possibile acquistare i biglietti:
– online tramite il sito www.circuitocinemagenova.com
– presso i cinema SIVORI 
– presso la biglietteria dell’ARENA ESTIVA a Palazzo Ducale da mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo 

Info  

t. 010 583261  - 010 5532054  | info@circuitocinemagenova.it   |  www.circuitocinemagenova.com

In caso di pioggia le proiezioni saranno cancellate

Programma LUGLIO
Programma AGOSTO

 

luglio 2019

16^edizione del Festival della Mente
Sarzana 30 agosto - 1 settembre 2019

Il Festival della Mente è il primo festival europeo dedicato alla creatività e alla nascita delle idee promosso dalla Fondazione Carispezia e dal Comune di Sarzana con la direzione di Benedetta Marietti. La XVI edizione si terrà dal 30 agosto al 1 settembre, a Sarzana.

40 gli incontri in programma ai quali si aggiungono 20 eventi ideati appositamente per bambini e ragazzi e 6 workshop didattici nella sezione curata da Francesca Gianfranchi.

Un centinaio di ospiti italiani e internazionali in tre giornate indagheranno i cambiamenti, il fermento creativo e le speranze della società attraverso incontri, letture, spettacoli, laboratori e momenti di approfondimento culturale, rivolgendosi, con un linguaggio chiaro e comprensibile, al pubblico ampio e intergenerazionale che è da sempre la vera anima del festival.

Tema del 2019: il futuro. Il modo migliore per predire il tuo futuro è crearlo». Sono state le parole di Abraham Lincoln a ispirare la scelta del filo conduttore della XVI edizione del Festival. Il concetto di “futuro” è sempre stato importante e necessario per la mente umana, ma assume particolare significato in un’epoca come la nostra, densa di cambiamenti sociali, di trasformazioni tecnologiche e di incognite che gravano sul presente.
Con un approccio multidisciplinare, il festival si interroga sugli scenari possibili che ci attendono in campo scientifico e umanistico, senza però dimenticare che per guardare al domani bisogna conoscere il passato. E con la ferma convinzione che per immaginare il futuro che vogliamo è necessario creare e inventare una realtà nuova a partire dall’oggi. 

Clicca qui per leggere il programma completo in cui scienziati, umanisti e artisti esploreranno in 40 incontri il tema del futuro.

 

Italian Council: il Mibac lancia il nuovo bando che promuove l'arte italiana all'estero
Deadline 30 settembre 2019

La DGAAP Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero dei Beni Culturali lancia la nuova edizione dell’Italian Council il bando internazionale che promuove l’arte italiana all’estero a supporto della creatività contemporanea italiana.

Con un budget di 1.900.000 euro Italian Council opera su due ambiti di intervento:

1) Incremento delle collezioni dei Musei pubblici italiani mediante l’acquisizione o la produzione di opere di artisti italiani, anche in occasione di residenze e mostre.

2) Incentivo allo sviluppo di talenti e la promozione internazionale di artisti, curatori e critici italiani attraverso il finanziamento di progetti che riguardino la partecipazione di artisti a manifestazioni internazionali; progetti che prevedano residenze all’estero per artisti, curatori e critici; progetti finalizzati alla realizzazione di mostre monografiche presso istituzioni culturali straniere; progetti editoriali dedicati all’arte contemporanea italiana.

Potranno presentare domanda di partecipazione a Italian Council: artisti, curatori, critici, purché supportati da istituzioni straniere; musei, enti pubblici e privati; istituti universitari, fondazioni, associazioni culturali, comitati formalmente costituiti, purché tutti senza scopo di lucroOgni progetto dovrà necessariamente prevedere, pena esclusione, la collaborazione con realtà internazionali e/o una fase di promozione all’estero. Il finanziamento richiesto non potrà superare l’80% dell’importo totale, con un tetto massimo che varia in base alla tipologia del progetto presentato.

C’è tempo fino al 30 settembre 2019 per partecipare.

Info e bando: www.aap.beniculturali.it/italian-council-2019_NEW_3.html

 

Mixta: tre giovani artiste danno vita a Genova ad una galleria "fluida" di arte contemporanea
La prima mostra collettiva inaugura il 12 luglio negli spazi dell'ex Ospedale Psichiatrico di Quarto

Venerdì 12 luglio presso l'Ospedale Psichiatrico di Quarto a Genova viene inaugurata la prima mostra collettiva di Mixta, una galleria "fluida" di arte contemporanea nata dall’idea di tre giovani artiste (Arianna Maestrale, Silvia Mazzella e Giulia Ottonello).

Si tratta di "When Forms Become Attitude – un paradigma rovesciato" che avrà luogo nello Spazio 21 dell'ex Ospedale Psichiatrico di Quarto; la mostra, ad ingresso gratuito, sarà aperta il 12 luglio alle 18:00, dalle 19:00; alle 22:00 l’evento sarà accompagnato da live music. La mostra sarà visitabile dal 12 al 21 luglio, dal lunedì al sabato ore 16 - 19; domenica 14 chiuso, domenica 21 ore 16 - 18.

Mediante la formazione di un clima che favorisce la circolazione di idee, ricco di fermenti, incontri e dibattiti, Mixta vuole raggiungere e incoraggiare l’attività dei giovani artisti genovesi operanti nel campo delle arti contemporanee tramite eventi culturali, mostre, divulgazione editoriale e sociale. La forza comunicativa dei nuovi emergent è stata estesa a luoghi insoliti e non di comune approccio al mondo delle arti contemporanee. Mixta si è allontanata dall’esposizione in galleria, classica e tradizionale, per comparire all’interno di spazi che mirano ad una forma più adatta al mondo contemporaneo così dinamico e fluido. Da qui la scelta di non garantire una sede fissa alla galleria, che infatti prende la forma degli spazi che la ospitano, una sede fluida appunto.

Molti gli eventi in programma di Mixta:

21- 22 settembre 2019. collaborazione artistica con Alle Ortiche Festival Festival ideato e organizzato dall’associazione di promozione sociale Progetto A. Si propongono eventi e attività artistiche negli spazi delle Serre di San Nicola, Genova. L’intento è quello di trasmettere valori legati all’ambiente proponendo l’arte come uno dei veicoli di avvicinamento e riflessione sulla situazione attuale.

17 - 20 ottobre 2019. Divago ed.1, l'evento di arte contemporanea prevede opere e lavori site-specific in Via  del Campo e zone limitrofe per rivitalizzare una zona del centro storico genovese emarginata ma con una storia alle spalle molto importante.  

Per maggiori informazioni: www.facebook.com/MIXTAgallery

 

BIG - Brief in Genova. Festival di creatività, comunicazione e digital marketing della città di Genova
25, 26, 27 settembre 2019 tre giornate di talk, workshop e un contest per gli under 30
URKA Associazione Culturale organizza BIG, il primo festival di creativitàcomunicazione e digital marketing che si svolgerà a Genova il 25,26,27 settembre 2019 a Villa BombriniGenova. Ѐ rivolto ai professionisti, perché possano incontrarsi e aggiornarsi sulle sfide e sulle necessità di un’industria in continua evoluzione, alle aziende perché possano sentirsi coinvolte nei processi di pensiero che creano valore per le loro marche e agli studenti perché non c’è modo migliore di imparare che mettersi in gioco. Tre giornate di talk e workshop con professionisti di spicco da tutta Italia e un contest per gli under 30 basato su un brief reale, scritto in collaborazione con una ONLUS locale.
 
Programma
 
26 settembre>>>13 talk
 
STANZA DELLA CREATIVITÀ
Ispirazione, dibattiti e casi di studio per discutere del ruolo della creatività nella comunicazione di oggi e di come continui a generare valore, innovazione e opportunità in un’era agile e digitale.
 

STANZA DEL DIGITAL MARKETING

Le novità, le sfide e le soluzioni più innovative del digital marketing riunite in un’unica sala e presentate sotto forma di analisi, casi di successo e best practice.
 
27 settembre>>> 6 workshop
 
Una giornata dedicata alla formazione pratica per professionisti di tutte le età: 6 laboratori a numero chiuso di progettazione grafica, data analytics, motion graphics, illustrazione, user experience, SEO e web development per il mobile.
 
CONTEST
Per tutti i professionisti junior e per gli studenti universitari under 30 nell’ambito della comunicazione, del design e del digital marketing open call aperta fino al 31 luglio 2019 per  partecipare alla sfida all'interno di Big. Durante le tre giornate del contest, gli studenti, guidati da due direttori creativi e da professionisti del design thinking, avranno la possibilità di confrontarsi con un brief reale, come in una vera agenzia pubblicitaria, che verrà donato ad una Onlus locale. Il progetto è realizzato in collaborazione con il dipartimento di Architettura e Design della Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Genova. Iscrizioni qui briefingenova.it/iscriviti/
 



 

Torna Boom! Intolerance Summer Arena, il cinema in pellicola all'aperto
Al chiostro della Casa della Maddalena i venerdì di luglio alle 21,45

Torna per il terzo anno consecutivo Boom! Intolerance Summer Arena, la rassegna di cinema in pellicola all’aperto che l’associazione Laboratorio Probabile Bellamy organizza nello spazio della Casa della Maddalena (piazza della Maddalena 11).

Dopo mesi di stand-by causati dalla chiusura del Teatro Altrove, sede in cui per cinque anni l’associazione ha gestito la stagione cinematografica, il proiettore torna ad accendersi per i quattro venerdì di luglio alle 21.45 con grandi film italiani, che il pubblico potrà gustarsi nel formato in cui furono pensati e realizzati, quello analogico.

Anche quest’anno le attività commerciali del quartiere hanno risposto alla chiamata dell’associazione e sostenuto il progetto con entusiasmo: l’arena estiva sarà dunque l’occasione per vedere (o rivedere) un grande classico del nostro cinema e scoprire le realtà commerciali che operano nel Sestiere. Sponsor delle proiezioni Patalin, La Bottega dei Miracoli di Luca Cimino, Mimì e Cocò, Mielaus, Gastronomia De Micheli, Olivar Novella Vintage, Pa50l, B&B Casa Nisi Masa, I Canovacci, Ogigioielli, Manena Hostel, L’Asino d’Oro, Book Morning, Il Fabbro, Trattoria delle Grazie, Jalapeno, Rosso Rubino, Gelatina, Beershop Maddalena, Ama – Associazione Abitanti della Maddalena.

Si inizia venerdì 5 luglio con Pane e cioccolata (1974), film di Franco Brusati in cui uno straordinario Nino Manfredi è un ciociaro emigrato in Svizzera che fa di tutto per non far rientro in Italia, perfino camuffare il proprio aspetto esteriore e tingersi capelli e baffi per sembrare un abitante del luogo.

Si prosegue il 12 luglio con Io la conoscevo bene (1965), capolavoro di Antonio Pietrangeli in cui la giovane Adriana, interpretata dalla giovanissima Stefania Sandrelli, va a Roma in cerca di fortuna nel mondo dello spettacolo: dovrà accettare delusioni e compromessi; nel cast anche Manfredi e Ugo Tognazzi.

Il 19 luglio tocca a Mimì Metallurgico ferito nell’onore (1972), primo film della trilogia di Lina Wertmuller con protagonisti Giancarlo Giannini e Mariangela Melato, grottesco ritratto di un operaio che lascia la Sicilia dando battaglia alla mafia, ma in cui finirà inevitabilmente invischiato.

Il 26 luglio si chiude con La voglia matta (1962), storia di un industriale milanese interpretato da Ugo Tognazzi che vive una crisi di mezza età e s’invaghisce di una giovanissima Catherine Spaak. A dirigerli Luciano Salce.

Laboratorio Probabile Bellamy
www.facebook.com/laboratorioprobabile.bellamy
info@laboratorioprobabile.it

 

giugno 2019

Presentata l'indagine “Io sono cultura – l’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”
Rapporto annuale di Symbola e Unioncamere e il peso della cultura nell’economia italiana

L’Italia vanta la quota più elevata di imprese dei settori culturali in Europa, precedendo Francia, Germania, Spagna e Regno Unito”, sottolinea il segretario generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli. “Questo primato si deve a un rapporto molto fecondo nel nostro Paese tra cultura e attività di impresa: la cultura si fa impresa e l’impresa fa cultura. Basti pensare a quanto i settori del made in Italy, che sono leader nel mondo, traggano alimento dal nostro grande patrimonio culturale. Inoltre, proprio le imprese del sistema produttivo culturale e creativo hanno performance migliori rispetto alle altre in termini di occupazione e valore aggiunto. Questi risultati si devono anche all’adozione delle tecnologie 4.0, che riguarda circa il 70% delle industrie creative, quota più elevata rispetto agli altri settori."
 
È quanto emerge dal Rapporto 2019 “Io sono cultura – l’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”, arrivato alla IX edizione, elaborato da Fondazione Symbola e Unioncamere, con la collaborazione e il sostegno della Regione Marche, presentato in questi giorni al MiBAC di Roma.
 
Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo, fatto da imprese, PA e non profit, genera quasi 96 miliardi di euro e attiva altri settori dell’economia, arrivando a muovere, nell’insieme, 265,4 miliardi, equivalenti al 16,9% del valore aggiunto nazionale. Un dato comprensivo del valore prodotto dalle filiere del settore, ma anche di quella parte dell’economia che beneficia di cultura e creatività e che da queste viene stimolata, a cominciare dal turismo. Una ricchezza che si riflette in positivo anche sull’occupazione: il solo Sistema Produttivo Culturale e Creativo dà lavoro a 1,55 milioni di persone, che rappresentano il 6,1% del totale degli occupati in Italia, con una crescita dell’1,5%, superiore a quella del dell’economia generale (+0,9%). Nel complesso, quello produttivo culturale e creativo è un sistema con il segno più: nel 2018 ha prodotto un valore aggiunto del 2,9% (a prezzi correnti) superiore all’anno precedente.