News dal mondo creativo

giugno 2019

A Palazzo Ducale la città dipinta dagli Urban Sketchers Liguria
L'esposizione si terrà dal 22 al 30 giugno negli spazi di Ducale Spazio aperto

Dal 22 al 30 giugno a Palazzo Ducale, negli spazi di Ducale Spazio aperto, gli Urban Sketchers Liguria raccontano, attraverso i loro disegni, le straordinarie architetture, la bellezza dei palazzi e i paesaggi della nostra città e Regione implementando così anche la collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Erede della tradizione del carnet de voyage, il movimento, composto di grafici, illustratori o semplici appassionati, espone oltre 200 disegni e acquerelli realizzati dal vivo, durante i meeting che il gruppo Urban Skechers Liguria organizza a cadenza mensile, con una nutrita sezione dedicata all’ultima edizione dei Rolli Days tenutasi nel maggio scorso (bit.ly/2L2hBq8).

Un’iniziativa che rafforza la positiva collaborazione con il Comune di Genova con l’obiettivo, di far conoscere gli angoli più nascosti ed autentici della nostro territorio attraverso gli occhi dei disegnatori, uno sguardo importante che dà vita a dei piccoli capolavori in grado di far scorgere, a chi osserva, punti, palazzi o panorami che spesso, a seguito dei ritmi frenetici odierni, vengono tralasciati. Un approccio totalmente diverso, rispetto alla fotografia, verso i luoghi che vengono visitati per favorire un turismo lento e consapevole.

La mostra sarà visitabile gratuitamente a Palazzo Ducale con i seguenti orari:

da lunedì a venerdì dalle 16 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10 alle 19.30

L'inaugurazione sarà sabato 22 giugno ore 18.30

Per l'occasione, nel periodo di durata della mostra, si terranno workshop e maratone del disegno in varie location cittadine.

Clicca qui per saperne di più 

Torna la rassegna estiva del Teatro Garage "Ridere d'agosto ma anche prima"
Porto Antico e Villa Imperiale dal 22 giugno al 3 agosto 2019

Dal 22 giugno al 3 agosto tornano gli spettacoli del Festival Ridere d’agosto ma anche prima, la rassegna estiva ideata e realizzata dal Teatro Garage con il contributo Regione Liguria, Comune di Genova, Municipio Bassa Val Bisagno, Porto Antico e in collaborazione con CIV C.so Sardegna.

Giunto alla 29° edizione, Ridere d’agosto ma anche prima è il festival cittadino più longevo, diventato negli anni un appuntamento fisso dell’estate genovese, grazie al fitto programma di cabaret, teatro, musica e danza e ai grandi protagonisti che ogni anno ospita, tra i maggiori attori, comici e cabarettisti del panorama nazionale.

Ventiquattro appuntamenti in programma, quattro location, una rassegna dedicata ai più piccoli e tanti ospiti, tra cui Moni Ovadia, Dario Vergassola, Bruciabaracche, Oblivion, Enzo Paci e Mario Zucca. Anche quest’anno, il Festival offre un’ampia scelta di serate di divertimento di stampo più teatrale e altre di puro cabaret, senza dimenticare le serate di musica, di danza e la rassegna per bambini “Ti racconto una fiaba d’estate”, che torna per la seconda edizione.

Gli spettacoli si divideranno tra i palcoscenici di Villa Imperiale nel quartiere di S. Fruttuoso, sede storica della rassegna, destinata alle rappresentazioni più specificamente teatrali, e quelli del Porto Antico, luogo deputato per gli artisti nazionali e per il cabaret di grande richiamo.

Info: www.teatrogarage.it

 

Indagine sulle carriere artistiche emergenti e la produzione culturale indipendente in Italia
Il questionario rivolto ad artisti under 35 che vivono e/o lavorano in Italia può essere compilato on line entro il 20 luglio 2019

Come si sono trasformate le carriere artistiche e culturali nel settore della creazione contemporanea? Si possono individuare dei meccanismi di inclusione/esclusione degli under 35 dai circuiti economici dell’arte? Quali sono i nuovi modelli organizzativi e di produzione volti al raggiungimento dell’impatto culturale e della sostenibilità economica? Qual è il ruolo della progettualità artistica nelle trasformazioni urbane?

Queste le principali domande alle quali cerca di rispondere l’Indagine sulle carriere artistiche emergenti e la produzione culturale indipendente in Italia promossa nel biennio 2019-2020 dal GAI – Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani in partnership con la Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura e con il contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito delle rispettive linee di lavoro sull’innovazione culturale volta a favorire il tessuto della produzione contemporanea attraverso il sostegno alla ricerca e alla creatività, alla sua conoscenza e divulgazione, alla sua promozione e valorizzazione.

L’iniziativa si attua in continuità con quanto fatto negli anni dalla rete delle città GAI al fine di contribuire al dibattito generale sui temi, ad una puntuale comprensione delle trasformazioni in atto, alla raccolta delle istanze di artisti e operatori, alla formulazione delle relative risposte in termini di politiche e azioni concrete.

L’indagine proposta ha l’obiettivo di studiare a livello nazionale, con focus regionali e locali, le scene artistiche emergenti e la produzione culturale indipendente attraverso tre principali dimensioni analitiche:

1) trasformazioni nel ruolo e nelle carriere delle professioni artistiche e culturali
2) nuove forme organizzative e modelli di produzione culturale e artistica
3) ruolo degli artisti e dei centri nelle trasformazioni urbane

Il progetto si attuerà secondo alcune fasi modulari di lavoro e step di avanzamento consecutivi che coinvolgeranno creativi emergenti, centri indipendenti di produzione culturale, enti di formazione, istituzioni e che si svilupperanno nell’arco di 18 mesi tramite gruppi di discussione, analisi quantitative, ricerche pilota, presentazioni dedicate per arrivare ad un rapporto finale da veicolare attraverso pubblicazioni e canali del settore.

Nell’ambito della prima fase di raccolta delle informazioni  viene chiesto agli interessati la disponibilità a prendere parte ad un questionario volto ad approfondire su scala nazionale le esperienze individuali nei percorsi di formazione artistica. Il questionario è rivolto ad artisti under 35 di tutte le discipline, che vivono e/o lavorano in Italia, che stiano svolgendo o abbiano terminato negli ultimi 5 anni periodi di formazione o perfezionamento in ambito artistico o culturale. Si compone di 25 domande e richiede 7 minuti per la compilazione.

Il questionario deve essere compilato online, entro il 20 luglio, tramite questo link: forms.gle/ntCFt5GVYQZSrqMm8

 

Torna a Genova Game Happens, Festival internazionale dedicato all’impatto culturale, politico e sociale dei videogiochi
E' possibile presentare dei progetti fino al 16 giugno

Dall’8 al 10 novembre 2019, Game Happens – il Festival internazionale dedicato all’impatto culturale, politico e sociale dei videogiochi – torna a Genova con una quinta edizione per mostrare gli elementi più innovativi del videogioco indipendente europeo, per mettere in relazione il settore con le altre industrie creative, culturali e tecnologiche. Il tema 2019 è Elements of Change.

Nell’anno celebrativo dei 150 anni della Tavola Periodica degli Elementi Chimici e nel Centenario della nascita di Primo Levi, autore che ha saputo unire chimica e letteratura, Game Happens fa tesoro della transdisciplinarietà culturale ed esplora i singoli elementi che stanno ridefinendo il videogioco come un mezzo di comunicazione e di espressione.

Particolare attenzione è dedicata alla diversità di autori e autrici che abitano oggi il settore indipendente, ovvero quella produzione di videogiochi dalla forte componente autoriale, frutto di un’innovazione che è innanzitutto creativa e legata alle proprie radici culturali.

Il Festival Game Happens è suddiviso in due parti: una conferenza, in inglese, rivolta a chi lavora nell’industria dei videogiochi, ma anche a studenti e studentesse che vogliono entrare a far parte del settore, e una mostra aperta alla città in cui tutte le persone sono invitate a provare i titoli indipendenti selezionati che meglio rappresentano gli elementi del cambiamento dell’industria creativa.

Se vuoi presentare un progetto a Game Happens (conferenza o exhibition), hai tempo fino al 16 giugno per inviare la tua domanda di partecipazione compilando integralmente questo form → bit.ly/gh2019-call

Ulteriori informazioni su Game Happens → gamehappens.com

Game Happens 2019 è un evento organizzato da Regione Liguria, attraverso la sua società in house Liguria International, con il supporto dell’Associazione culturale Game Happens, e finanziato dal POR FESR Liguria 2014-2020. Con la collaborazione di Società per Cornigliano.
 

 

3^ Biennale di Genova 2019
Mostra diffusa di arte contemporanea dall'8 al 22 giugno

Dall’8 al 22 giugno 2019 SATURA organizza la 3^ Biennale di Genova - Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea con il Patrocinio di Regione Liguria, Comune, Città Metropolitana e Camera di Commercio di Genova.
300 ARTISTI, 16 LOCATION, 39 BOTTEGHE STORICHE.  Un progetto a cura di Mario Napoli.

Complessivamente 54  diverse location cittadine, un sistema espositivo diffuso, da palazzo Stella a palazzo Tobia Pallavicino, dal Galata museo del mare alla capitaneria di porto, da palazzo Doria De Ferrari Galliera al circuito delle 38 botteghe storiche. I numeri sono cresciuti in modo esponenziale, basti pensare che le location nel 2017 erano soltanto 10.

Queste sono le sedi:

Palazzo Stella - Palazzo Doria Spinola - Palazzo Nicolosio Lomellino - Palazzo Tobia Pallavicino - Palazzo della Borsa - GALATA Museo del Mare - Dipartimento Architettura e Design - Villa del Principe Palazzo di Andrea Doria - Accademia Ligustica di Belle Arti - Capitaneria di Porto – Palazzo Pantaleo Spinola - Palazzo Doria De Ferrari Galliera - Palazzo Senarega - NH Genova Centro - NH Collection Genova Marina - AMW Architettura - circuito delle 38 Botteghe Storiche

In particolare al Galata sono in mostra 30 opere (pittura, scultura, fotografia) dedicate alla tematica del mare inteso come elemento naturale e come dimensione/luogo di dinamiche esistenziali.

www.visitgenoa.it/evento/3-biennale-di-genova-2019
 

 

Esiti della call Videodanza di FUORIFORMATO 2019 - Festival Internazionale di danza contemporanea e videodanza
I film finalisti saranno proiettati al Cinema City Genova il 28 giugno alle 21

Sono stati pubblicati gli esiti della call VIDEODANZA di FuoriFormato 2019 - Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza, la rassegna di spettacoli, performance e videodanza dedicata alla danza contemporanea, organizzata dal Comune di Genova, curata da Teatro Akropolis, Associazione culturale RETE Danzacontempoligure e Associazione culturale Augenblick, in collaborazione con Società per Cornigliano SpA e Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, che si svolgerà a Genova da martedì 25 a venerdì 28 giugno 2019.
 
Di seguito i titoli dei film finalisti che saranno proiettati al Cinema City Genova alle 21.00 venerdì 28 giugno, la Giuria al termine della serata assegnerà il premio al Miglior Film

● A Guide to Breathing Underwater, Raven Jackson, USA 2018, 7' 15''
● Les Indes Galantes, Clément Cogitore, Francia 2018, 5' 46''
● Shadow Animals, Jerry Carlsson, Svezia 2017, 21' 35''
● Sisters, Daphne Lucker, Paesi Bassi 2018, 15'
● Skip and the Rhythm Rangers, Olivier Garcia, Paesi Bassi 2018, 14' 38"
● Timecode, Juanjo Gimenez, Spagna 2017, 15' 07''
● Wanderer, Peng Hsiao-Yin / Chen Yan-hong, Taiwan 2018, 13'

Info: www.fuoriformatofestival.it

 
Al via la terza edizione di Cotonfioc 2019 festival di arti visive, editoria e autoproduzione
15 e 16 giugno ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto dei Mille

Cotonfioc è un festival di arti visive, editoria e autoproduzione che si svolge in luoghi poco conosciuti, facendo (ri)scoprire ai suoi visitatori il fascino nascosto di complessi cittadini da riqualificare.

Per il secondo anno il festival si tiene nel complesso ottocentesco dell’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto dei Mille che apre le sue porte il 15 giugno dalle 14.00 alle 24.00 e il 16 giugno dalle 14.00 alle 23.00, con l’inaugurazione di cinque mostre, l’apertura della mostra-mercato, due cicli di conferenze, tre workshop, due serate dedicate all’intrattenimento musicale, in collaborazione con il collettivo Code War.

Più nel dettaglio:

MOSTRA “CREPE | Cercare negli interstizi”

In mostra le venticinque tavole vincitrici dell’omonima Call CFF19, a cui hanno partecipato 150 artisti

MOSTRE OFF
“QUADRIFLUOX - A NEW CMYK WORLD” a cura di 70magenta
“DISAPPEARING OBJECTS” di Louis De Belle
“UN SUONO SULL’ACQUA” di Gionata Girardi
“NODES“ a cura di Numero Cromatico

MOSTRA MERCATO
Oltre cinquanta banchi di editoria indipendente, illustrazione e autoproduzione, con sessanta artisti e collettivi in esposizione.

WORKSHOP
Destinati sia a bambini e ragazzi sia ad adulti, aperti sia agli addetti ai lavori sia a chi per la prima volta desidera approcciarsi al mondo delle arti visive e della stampa, verranno curati da PICA (cianotipia), Barbara Ventura (Kintsugi), Lino’s & Co. Bottega di Genova (stampa a caratteri mobili - per bambini).

Le iscrizioni sono esclusivamente disponibili online, alla pagina www.eventbrite.it/o/cotonfioc-festival-17280231777

TALKS
Due cicli di conferenze:
Sabato 15, dalle 15:00 alle 18:00, si parla di autoproduzione e arti visive, con la moderazione di Anna Daneri, tra le fondatrici e curatrici di Peep-Hole (centro d’arte contemporanea indipendente con sede a Milano); 
Domenica 16, dalle 15:00 alle 18:00, si discute di architettura e riqualificazione urbana, con la moderazione di Pietro Millefiore, docente dell’Accademia Ligustica di Belle Arti.

MUSICA
Sabato 15 a partire dalle 19:00, dj-set e live elettronici, in collaborazione con il collettivo Code War;
Domenica 16 a partire dalle 19:00, live acustico.

In occasione di Cotonfioc Festival sarà inoltre presentata la pubblicazione in forma di posterzine realizzata dall’Associazione Gossypium e dedicata ai luoghi inconsueti della città di Genova con una particolare rilevanza storica o architettonica.

Inoltre, per tutta la durata del festival saranno allestite proiezioni e installazioni e sarà presente un’area ristoro.

Il programma dettagliato è consultabile e scaricabile su www.cotonfiocfestival.com.

La manifestazione, a ingresso gratuito, viene in parte finanziata dalla campagna di raccolta fondi online con scadenza il 22 giugno. Tra le ricompense previste la posterzine, il catalogo del festival comprendente tutte le mostre e le installazioni esposte, una shopper in cotone serigrafata a mano, acquistabili sia singolarmente sia, con piccolo sconto, per contribuire clicca qui: it.ulule.com/cotonfioc-festival-2019

 

 

 

17^ edizione del Festival delle Periferie
14-15-16 giugno 2019 – Villa Rossi, Genova Sestri Ponente

Il Festival delle Periferie è giunto alla sua 17ma edizione. Dopo il grande ritorno alle origini di due anni fa, sarà di nuovo il parco di Villa Rossi a Genova Sestri Ponente ad accogliere la rassegna di tre giorni organizzati dall’associazione culturale Metrodora, da venerdì 14 a domenica 16 giugno 2019.

Come già successo negli ultimi anni, le serate saranno tematiche: il venerdì sarà dedicato alle varie sfumature della scena punk e hardcore, il sabato un cast più vicino al mondo indie e alternative, infine il Black Sunday, dedicato alle sonorità hard & heavy; il tutto cercando di dare spazio sia alle band emergenti che a realtà già consolidate, allo scopo di rendere il festival una vetrina per la scena musicale di Genova e dintorni, comprese le vicine riviere di levante e ponente e non solo.

Headliner delle serate saranno venerdì (serata Park in Drublic) i genovesi L.E.I.S.F.A. con il loro energico hardcore, sabato (serata Rock’n’roll exhibition) lo stoner, hard rock e heavy metal (non privo di sperimentalismi) dei Burn the Ocean; infine, domenica (Black Sunday), sotto la direzione artistica di Trevor (Sadist, Trevor & The Wolves), nome storico della scena metal ligure, chiuderanno Il Segno del Comando con la loro miscela originale tra metal e progressive. Ad affiancare questi tre nomi ci saranno quasi venti band.

Si partirà dalle 18 con possibilità di aperitivo nel giardino o una cena nell' angolo ristoro. La cucina aprirà alla stessa ora e il menù prevederà anche alcuni piatti tipici liguri. 
Chi vuole staccare qualche minuto dalla musica potrà fare due passi tra le bancarelle di artigianato: vestiti, bigiotteria, oggettistica, stampe, e godere appieno del meraviglioso parco di Villa Rossi.
Grazie alla diretta video in streaming sarà possibile seguire quello che succede sul palco anche tramite YouTube e Facebook.
Sito ufficiale: festivaldelleperiferie.it

Ricerca Sponsor per MURO project Arte urbana per la rigenerazione della Valpolcevera
Progetto di street art dal forte impatto estetico, urbanistico e di grande rilevanza sociale

La tragedia di ponte Morandi ha evidenziato la precarietà della vita nei quartieri genovesi siti nella Valpolcevera, afflitti nel passato da una industrializzazione scriteriata e in seguito abbandonati proprio da quelle stesse industrie che ne avevano colonizzato il territorio, distorcendone l’urbanistica.

Prosegue la ricerca sponsor da parte del Comune di Genova per la realizzazione del progetto “MURO” ideato per la rivalutazione delle vie, degli edifici e delle superfici comunali o private attraverso l’opera dei più famosi “writers” italiani e internazionali.

La Valpolcevera, con la voglia di riscatto che condivide con l’intera Città di Genova, può diventare un museo all’aria aperta, anche attraverso i colori e i grandi murales di celebri artisti internazionali che decorano le metropoli.

MURO prevede un evento di 5 o più giorni (specie nel caso delle creazioni artistiche più complesse). L’evento vedrà impegnati contemporaneamente una decina di “writers” internazionali nella decorazione di altrettanti murales sulle superfici già identificate dall’amministrazione comunale nella bassa Valpolcevera. Inoltre si prevede il coinvolgimento diretto e creativo di alcuni giovani dalla difficile situazione famigliare (grazie alla collaborazione con una cooperativa sociale) nella composizione di un altro paio di limitati, ma significativi interventi murali, oltre a i dieci citati.
 
Si prevede anche l’esibizione di rapper e danzatori hip hop, programmati nei principali momenti pubblici, fra quelli finalizzati all’aggregazione giovanile. MURO trova la sua ideale collocazione nel mese estivo di giugno 2019.
 
Capofila dell’organizzazione proponente è l’associazione genovese “Walk the line” già attiva nella decorazione dei piloni della sopraelevata), unitamente all’organizzatore di eventi Max Mauceri.
Un comitato scientifico composto dal cultural manager del Comune di Genova Maurizio Gregorini e dall’architetto e curatrice urbana Emanuela Caronti supervisionerà alla scelta delle opere. Il tema dei murales sarà “LA GIOIA”, che, in ogni sua declinazione, si raccorda perfettamente con la voglia di rialzarsi, di ripartire della gente della Valpolcevera.

Alcuni dei “writers” presteranno la loro opera a titolo gratuito, stante la duplice valenza, artistica ed etica dell’evento.

 
 

maggio 2019

Esiti della call Danza di FUORIFORMATO 2019 - Festival Internazionale di danza contemporanea e videodanza
Il Festival si terrà a Genova dal 25 al 28 giugno 2019

Sono stati pubblicati gli esiti della call DANZA di FuoriFormato 2019 - Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza, la rassegna di spettacoli, performance e videodanza dedicata alla danza contemporanea, organizzata dal Comune di Genova, curata da Teatro Akropolis, Associazione culturale RETE Danzacontempoligure e Associazione culturale Augenblick, in collaborazione con Società per Cornigliano SpA e Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, che si svolgerà a Genova da martedì 25 a venerdì 28 giugno 2019.

La sezione danza di FuoriFormato è curata da Teatro Akropolis e RETE Danzacontempoligure. La call è dedicata alla selezione di spettacoli e performance di danza contemporanea che verranno presentati  nei giorni martedì 25, mercoledì 26 e giovedì 27 giugno negli spazi interni ed esterni di Villa Durazzo Bombrini a Genova Cornigliano.

Ecco i nominativi dei sei artisti selezionati dalle candidature:

- Manfredi Perego / TIR Danza - Primitiva
- Maristella Tanzi - Semplice danza in levare
- Fabio Liberti - DON'T, KISS + SOLO FOR REAL
- Paola Bianchi - WASTE MOVEMENTS
- Giovanni Gava Leonarduzzi / Compagnia Bellanda - Sono solo tuo padre
- Siro Guglielmi - p!nk elephant

C'è ancora tempo fino al 31 maggio per partecipare a Stories We Dance, la call VIDEODANZA di FuoriFormato curato da Associazione culturale Augenblick che promuove le opere di videodanza interessate allo storytelling, alla sperimentazione e all'utilizzo di nuove tecnologie, senza vincoli di genere o di formato.

Per leggere la call di Stories We Dance cliccare qui.
Iscrivi il tuo dance film compilando questo form entro il 31 maggio 2019.
Infostorieswedance@gmail.com | +39 328 381 1423 (Marco)