UNA CASA PER VIAGGIARE IL MONDO Installazione di Stefano Boccardo

Immagine dell'evento

Inaugurazione: mercoledì 11 ottobre 2017 ore 18

Ex Ospedale Psichiatrico di Quarto
Via G. Maggio 6 - Genova

 

 

Il movimento di cittadinanza attiva che negli ultimi anni si è sviluppato ed è riuscito a creare una ripresa d’interesse della città per l’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto, a fronte del tentativo di una sua
completa alienazione, ha rimesso al centro le persone e portato a riconsiderare il valore dell’ex OP in termini di memoria e di interesse per ciò che rappresentano la trasformazione dello spazio e una diversa
strategia di utilizzo dello stesso.
In questo contesto, un paio di anni fa, si è inserito il concorso di idee QUARTO PIANETA che ha inteso portare un contributo con un innesto di creatività nel complesso di azioni programmate per la rigenerazione del sito. Il contest promosso da Comune di Genova - settori Cultura e Partecipazione e dialogo con i cittadini -, Municipio IX Levante, Fondazione per la Cultura Palazzo Ducale, Coordinamento per Quarto, Istituto per le Materie e le Forme Inconsapevoli, con il sostegno economico di CDP Immobiliare srl, prevedeva infatti un gesto artistico, un'idea progettuale che esponesse in maniera incisiva il superamento del concetto culturale di ‘mura invalicabili' di una realtà emarginata e che
favorisse, attraverso le potenzialità del linguaggio artistico, la ripresa di un dialogo produttivo con il mondo della ‘normalità'.
Il progetto UNA CASA PER VIAGGIARE IL MONDO dell’architetto Stefano Boccardo, che fu allora selezionato, ha preso forma in questi ultimi mesi presso l’ex OP di Quarto e verrà presentato alla città MERCOLEDI’11 OTTOBRE alle ore 18 nell’ambito degli appuntamenti previsti da questa edizione di Quarto Pianeta dal 29 settembre al 14 ottobre 2017.

Dice Stefano Boccardo, parlando della propria installazione:

‘Una struttura in rami intrecciati si arrampica lungo un albero nei cortili dell’ex Ospedale Psichiatrico. Avvolgendosi a spirale arriva a vedere il mondo esterno, oltre la quota dei tetti. Al suo termine una
micro-architettura, tra la casa e il nido, gode di un punto di vista altrimenti impercettibile. Una fuga verso l'alto dove il dentro e fuori delle mura si confronta con il dentro e fuori della mente e ne sottolinea
l'inganno percettivo che ne sta alla base’. L’inaugurazione sarà arricchita dalla dance performance IL CIELO INIZIA DA TERRA di e con Nicola Marrapodi e Roberto Orlacchio col sostegno di DEOS // Giovanni Di Cicco.
Il cielo inizia da terra vuole essere un piccolo sguardo attraverso il corpo come mezzo percettivo del mondo, come elemento di congiunzione tra un dentro e un fuori di noi: dove "il mio corpo percepisce il corpo dell'altro come prolungamento miracoloso delle proprie intenzioni"
[Merleau-Ponty].

Il corpo come oggetto e soggetto di una spinta verso la conoscenza, di una ricerca di nuovi punti di vista dove lo sguardo verso l'alto/dall'alto è condizione privilegiata e talvolta necessaria per una
consapevolezza oggettiva della realtà.

A seguire:

ore 19.30 Apericena
ore 20.30 premiazione concorso di arte Rigeneriamoci

 

Contatti Sala Dogana:
Comune di Genova - Direzione Cultura
Ufficio Cultura e città – Progetto Sala Dogana. Giovani idee in transito
010 5573975 – 74806
saladogana@comune.genova.it
Facebook  Sala Dogana Genova
Twitter    Sala Dogana
www.palazzoducale.genova.it

 

Video