PROJECTPOE - TERRA DI FATE, da E.A.Poe - 18° Festival internazionale di poesia, Genova

Immagine dell'evento
Venerdì, 15 Giugno, 2012 - 19:00
Casa Paganini - Piazza S. Maria in Passione 34, Genova

PROJECTPOE 
TERRA DI FATE
Da una poesia di E.A.Poe, Fayryland (1829)
Progetto drammaturgico e regia:
Attilio Caffarena

Progetto Visivo e scenografico:
Riccardo Dapelo, Attilio Caffarena

Progetto Sonoro:
Giacomo Lepri, Riccardo Dapelo
___________________________________________________
Performer:
Andrea Nicolini

Live Audio:
Giacomo Lepri

Live Video:
Riccardo Dapelo
________________________________________
PROJECTPOE è un progetto che nasce da un percorso di ricerca sulla sinergia di esperienze e linguaggi diversi.
La scelta è di lavorare su testi di Edgar Allan Poe, in quanto l'opera dello scrittore americano è stata punto di riferimento per molteplici linguaggi e forme di espressione, dalla letteratura alle arti visive, dalla musica al cinema. E' quindi territorio adatto per una ricerca che integri differenti strumenti espressivi nella sperimentazione sul rapporto tra essere, agire, udire e vedere, nell’evento performativo.

La prima fase del progetto, TERRA DI FATE, è prodotta per il Festival Internazionale di Poesia diretto da Claudio Pozzani, edizione 2012.

In quanto la sua realizzazione comporta una sperimentazione che realizza un'integrazione della ricerca espressiva per musica, teatro, atri visive e analisi del coivolgimento del pubblico nell'ottica di nuove prospettive e paradigmi per i linguaggi artistici, il progetto viene elaborato e presentato nel Centro di Ricerca Casa Paganini di Genova.

TERRA DI FATE si basa su una poesia di E.A.Poe, Fayryland, del 1829,
bruciata dal primo editore al quale fu sottoposta in quanto giudicata un nonsenso, poi pubblicata sulla Yankee and Boston Literary Gazette e definita uno "squisito nonsenso" che evidenziava la capacità di Poe di creare un linguaggio e una dimensione poetica di altissimo livello.
La scelta di questo testo per una sperimentazione performativa nei termini indicati è motivata non solo dal fatto che esso si configura come struttura ritmica e sonora, ma anche che vi si rileva una semantica del vedere e dell’ascolto nello spazio e nel tempo, in senso fisico. Il testo potrà quindi essere ascoltato o venire letto, potrà anche essere fatto reagire, esplodere o dissolversi in diversi piani e livelli espressivi.
Secondo tale idea l’azione di un performer potrà essere elaborata in modo da entrare in relazione con gli altri elementi, testuali, visivi e sonori permettendo a chi assiste di partecipare all’evento creativo, all’interno di un dispositivo d’intepretazione aperto su diversi piani.

TERRA DI FATE è realizzato con le seguenti collaborazioni:
 
Riccardo Dapelo,
compositore, docente di musica elettronica presso il Conservatorio Niccolò Paganini di Genova.
 
Giacomo Lepri,
ha studiato presso il Conservatorio Niccolò Paganini di Genova con insegnanti quali Riccardo Dapelo e Roberto Doati. Ha conseguito una borsa di studio presso l’Università di Edimburgo.
Andrea Nicolini,
attore e compositore, collabora con il Teatro di Genova e con teatri e compagnie di livello nazionale e internazionale.
 
Attilio Caffarena,
regista, attore, studioso nel campo del teatro, delle arti visive e della performance, con particolare attenzione alla ricerca e sperimentazione su spazio scenico, linguaggi multimediali e drammaturgia.
Ha lavorato con alcuni tra i massimi rappresentanti del teatro contemporaneo, tra i quali Jerzy Grotowski, Heiner Müller, Robert Wilson, Gerhard Bohner.