LAND OF PLEASURE

Immagine dell'evento

LAND OF PLEASURE - di Stefano Pulcini e Chiara Scabini
a cura di Alberto Terrile

Inaugurazione giovedì 16 febbraio 2017 ore 18.00

Esposizione dal 16 febbraio al 5 marzo 2017

Orario di apertura dal martedì alla domenica ore 15.00 - 20.00

INGRESSO LIBERO

Dicono che i fumatori di marijuana siano spesso pigri. Il loro eterno sognare li porta a fantasticare viaggi, siano questi terreni, come mentali e introiettati nell’immaginario allucinato di un momento. Due giovani artisti innamorati alla scoperta del Golden State, un’opera fotografica ipnotica che cerca lo spettatore disposto al viaggio interiore.

L’America è per tutti la terra delle grandi opportunità e delle grandi contraddizioni; la terra degli stereotipi, delle innovazioni tecnologiche, del melting pot, della musica country, della lobby delle armi.

Ma l’America è, innanzitutto, cinema allo stato puro, un posto dove iniziare tutto con niente, un’inesauribile fonte di creatività, di immagini che scorrono veloci fino quasi a stordirti.

Lo sanno bene Chiara Scabini e Stefano Pulcini, giovani artisti genovesi che raccontano il loro american trip nella mostra fotografica LAND OF PLEASURE in programma dal 16 febbraio al 5 marzo in Sala Dogana a Palazzo Ducale di Genova.

Le fotografie esposte sono state scattate tra New York, California, Nevada e Arizona in un periodo di circa tre mesi di viaggio on the road, di cui un mese trascorso a lavorare in un campo di marijuana (tra le montagne nel nord della California).
Rappresentano la caoticità sregolata dell’esperienza vissuta, influenzata anche dall’utilizzo della sostanza psicotropa.
«I soggetti delle nostre fotografie siamo noi ma anche amici, sconosciuti, paesaggi tipici americani e oggetti dalle forme e colori attraenti.» raccontano gli artisti. «La mostra inizierà con la serie dei ritratti che raffigurano noi e il resto del gruppo con cui lavoravamo. Sono state scattate l’ultimo giorno di lavoro, in un momento di pausa tra la fine di un’esperienza e l’inizio di un’altra.»

L’esposizione si conclude con la serie Every bed I slept with you, un'interessante progetto che raffigura – in ordine cronologico e in maniera “freddamente analitica” – tutti i letti in cui hanno dormito lungo il loro percorso.

>>> CHIARA SCABINI nasce a Genova nel 1992. Dopo essersi diplomata al liceo scientifico Enrico Fermi, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Genova dove arricchisce la sua passione per la fotografia, l’arte e scopre l’illustrazione digitale. In particolare, segue i corsi di fotografia digitale e analogica tenuti da Alberto Terrile, approfondendo uno stile documentaristico e di diario personale.
Durante il periodo universitario va in Erasmus a Madrid dove frequenta l’Escuela de Diseno Superior per 5 mesi.
Dopo la laurea, si trasferisce a Londra per 4 mesi e, in seguito, compie un viaggio di 3 mesi in California.
Tornata in Italia si trasferisce a Milano dove inizia a lavorare come grafica e fotografa per l’agenzia di comunicazione Cup Studio e come illustratrice per Alessandro Enriquez, stilista del brand di abbigliamento Italian Theory.

>>> STEFANO PULCINI nasce a Genova nel 1993. Si diploma all’istituto tecnico Vittorio Emanuele II - J. Ruffini come grafico pubblicitario scoprendo la passione per l’arte e la fotografia.
Frequenta il corso di Graphic Design all’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, dove segue il corso di fotografia analogica e digitale tenuto da Alberto Terrile.
Nel 2016 lavora come grafico/videomaker/fotografo per Goa-Boa Festival. Nello stesso anno fa uno stage al TStudio di Timothy Costa.
Dal 2016 è attivo come videomaker e fotografo freelance e lavora con band musicali come ex-otago, l’ultimodeimieicani e altre realtà genovesi. Collabora anche come videomaker/grafico/fotografo per Yury Magazine.

Info:
Comune di Genova - Direzione Cultura

Ufficio Cultura e città – Progetto Sala Dogana. Giovani idee in transito
010. 5573975 – 74806
saladogana@comune.genova.it
Facebook  Sala Dogana Genova
Twitter    Sala Dogana
www.palazzoducale.genova.it

 

Video

Vedi il video