Kees Goudzwaard “Ascending/descending”

Immagine dell'evento
Venerdì, 14 Luglio, 2017 - 00:00 - Domenica, 24 Settembre, 2017 - 00:00
Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce , Via Jacopo Ruffini, 3, Genova

Installazione Site-Specific / Scalone di Villa Croce

Villa Croce presenta Ascending / Descending, la prima installazione site-specific di Kees Goudzwaard in un museo pubblico italiano.

Quest’artista olandese si è affermato sulla scena internazionale per il suo linguaggio stilistico astratto e sempre riconoscibile, realizzando opere che ad uno sguardo poco attento possono sembrare dei semplici studi di colore creati con piccoli pezzi di carta e nastro adesivo. Avvicinandosi ai suoi lavori è possibile scoprire che le minime variazioni dei toni sono in realtà il risultato di un lungo e meticoloso procedimento dipinto con grandissima cura.

Per ogni opera Goudzwaard crea nel suo atelier un modello con piccoli pezzi quadrati e rettangolari di carta, acetati, fogli trasparenti che compone in griglie più o meno regolari ssandoli con un nastro adesivo di carta. Questa prima fase di collage richiede sempre molto tempo e si sviluppa gradualmente fino a quando l’artista scopre di aver raggiunto la composizione e l’atmosfera desiderata. A questo punto dipinge meticolosamente su tela il collage originale in scala 1:1, riproducendo perfettamente ogni singolo frammento trasformando così l’atto creativo della pittura in un lungo lavoro di trasposizione.

In un certo senso la creatività di Goudzwaard si manifesta nella prima fase dove il lento processo di assemblamento gli consente di catturare il tempo come un’entità solida, facendo trapelare il senso di calma e di pace che è spesso associato alle sue opere. Nella seconda fase l’artista trasforma la copia in un nuovo originale e una volta che il lavoro è terminato distrugge il collage. Controllando totalmente il mondo che rappresenta, cercando di non lasciare spazio al caso, il duro lavoro di trasferire su tela un oggetto bidimensionale che egli stesso ha creato gli consente di riacquistare la paternità di un’immagine che non sembra implicare alcuna creatività. Questo modo di lavorare mette l’artista nella condizione di concentrarsi esclusivamente sulla pittura e sul colore permettendogli di confrontarsi con il dipinto senza alcuna distrazione poiché la composizione e il soggetto sono diventati in qualche modo meno importanti e sono passati in secondo piano. La voluta ripetizione delle strutture, create con forme piatte tenute insieme da pezzi di scotch appena visibili, diventa un modo per aumentare la sensibilità dello spettatore verso le lievi variazioni delle super ci, dei bordi e dei contorni dei frammenti riprodotti.

Oltre all’apparente semplicità della sua poetica e un linguaggio formale limitato, Kees Goudzwaard svela una complessità pittorica estrema, tra l’astrazione e la rappresentazione, grazie al suo indiscutibile talento. Il forte realismo di questi still-life e la tridimensionalità delle composizioni delle opere hanno la capacità di illudere lo spettatore nell’esistenza di una profondità su più piani. Attraverso i diversi livelli di trasparenza del colore crea un senso di spazio prospettico che ricorda il trompe l’oeil della tradizione rinascimentale amminga.

Il wallpainting realizzato per lo scalone di Villa Croce, come tutte le opere dell’artista, ha avuto una lunga genesi. Circa un anno fa, ha realizzato nel suo atelier un modello della parete in scala 1:1 sul quale ha composto il suo collage. Una volta de nita la disposizione di ogni frammento ha dipinto a olio uno studio preparatorio più piccolo, intitolato appunto Ascending / Descending. Questo lavoro è una sorta di zoom-in nelle sue tele, la superficie da dipingere si è ingrandita notevolmente e allo stesso modo si sono ingranditi i frammenti di carta.

La parete scelta da Goudzwaard segue l’impostazione di transizione di questo lavoro, proprio come la pittura è per l’artista. Questo wallpainting tende a qualcosa di archetipo, una sorta di passaggio, come uno spazio intermedio tra una dimensione ed un’altra. La porta al piano terra e lo scalone della villa collegano spazi e livelli diversi mentre il dipinto aggiunge un’altra dimensione: l’ingresso in uno spazio pittorico. Osservando quest’immagine, semplicemente restando di fronte all’opera, si ha la sensazione di poter percorrere liberamente nello spazio e nel tempo una certa distanza. Dal meticoloso lavoro dell’artista appare un’immagine in cui gli elementi sembrano ascendere e discendere contemporaneamente. Le parti raccolte sono come tenute in suspense in un movimento temporaneamente congelato; come uno spostamento continuo da un lato ad un altro, fermato nell’istante in cui i piccoli e grandi elementi stanno per trovare la loro giusta collocazione rispetto agli altri, o forse allontanandosi da quel punto.

Ascending / Descending è realizzata attraverso una serie di segni con i toni dei bianchi e dei grigi distribuiti sulla superficie della parete, come un percorso per accedere nello spazio immaginario della trasparenza dei toni di una scala di colori. Sovrapponendo diversi strati di frammenti semi trasparenti Goudzwaard crea una prospettiva aerea leonardesca, riuscendo a dare l’impressione di una profondità attraverso leggerissime velature che creano la sensazione dell’atmosfera, di uno spazio dove l’aria, l’umidità e le sottili gradazioni di luce si fondono impercettibilmente e distorcono la limpidezza visiva.

Questo wallpainting non è solo un’improvvisazione sul movimento, sulla salita e la discesa di uno scalone, ma in senso più ampio, spaziale e atmosferico, si riferisce al movimento termico, come quello che l’aria compie – secondo l’artista – risalendo dal porto di Genova lungo la collina di Carignano dove si trova il museo. In quest’opera luce, forma, volume e struttura si fondono insieme arrivando da direzioni diverse e si ritrovano in un’alleanza temporanea catturata permanentemente in un’immagine che abbraccia sia la fragilità che la potenza degli elementi pittorici.

ORARI:
giovedì e venerdì 12-19
sabato e domenica 10-20
lunedì,  martedì e mercoledì chiuso

Info:
www.villacroce.org/mostra/kees-goudzwaard-ascending-descending