Il Comune di Genova aderisce a Wiki Loves Monuments 2017, il grande concorso fotografico legato a Wikipedia per valorizzare il patrimonio culturale

La sesta edizione dell’iniziativa in Italia si si svolgerà dal 1° al 30 settembre 2017

Mercoledì 6 settembre, alle ore 17, presso il salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi sarà presentato il concorso, i premi in palio in questa edizione e le modalità di partecipazione.

Il Comune di Genova ha deciso di valorizzare i beni culturali di sua competenza con l’adesione a Wiki Loves Monuments: il più grande concorso fotografico al mondo, nato con l’obiettivo di tutelare la memoria dei monumenti e renderli accessibili a tutti attraverso Wikipedia e Wikimedia Commons.

Il concorso, promosso da Wikimedia Italia e a livello locale da Open Genova, si svolgerà dal 1° al 30 settembre 2017 e sarà aperto alla partecipazione di tutti i cittadini (fotografi professionisti e dilettanti senza alcuna restrizione di età), che sono chiamati a immortalare e pubblicare con licenza libera scatti che ritraggono i monumenti del nostro Paese.

A partire dalla prima edizione italiana, nel 2012, sono più di 70.000 gli scatti raccolti per Wiki Loves Monuments: le immagini sono riutilizzabili gratuitamente da parte di tutti – istituzioni comprese – per ogni scopo, anche commerciale. Le fotografie vengono inoltre utilizzate per arricchire le oltre 44 milioni di voci in 294 lingue diverse di Wikipedia, la grande enciclopedia libera: questo fa sì che le immagini del patrimonio culturale italiano si possano diffondere in modo virale sul web e che tutto il mondo le possa ammirare.

Oltre a promuovere lo sviluppo di una cultura libera e accessibile a tutti, il concorso ha anche un’importante valenza sociale in un Paese come l’Italia, il cui ricco patrimonio artistico e culturale è ancora scarsamente valorizzato in rete per l’assenza di libertà di panorama e i vincoli posti dalla normativa vigente. Nel nostro Paese, infatti, per poter fotografare monumenti e pubblicare gli scatti con licenza libera è necessario chiedere un’autorizzazione a chi ha in consegna o possiede tali beni.

Per rendere possibile il concorso, Wikimedia Italia ogni anno da gennaio a settembre contatta uno ad uno i comuni, le soprintendenze e tutti gli enti italiani che hanno in consegna o possiedono beni e monumenti, chiedendo di rilasciare la propria autorizzazione: un lavoro che richiede tempo, impegno e tenacia e che assume valore grazie al sostegno di enti come il Comune di Genova, che hanno scelto di consentire a cittadini e turisti di fotografare e condividere le immagini dei monumenti.

Al fine di valorizzare ulteriormente tale attività, Wikimedia Italia ha inoltre aperto un dialogo con rappresentanti del Ministero dei beni e delle attività culturali e del Parlamento italiano, con l’obiettivo di superare le limitazioni imposte dalla legge e “liberare” i beni culturali italiani.

In occasione dell’edizione 2017 il Comune di Genova ha deciso di “liberare” dieci monumenti in più rispetto alla precedente edizione. Una grande opportunità per la città, per far conoscere la sua bellezza nel mondo, perché il Codice Urbani (D.lgs 42/2004) sancisce l'impossibilità di fotografare monumenti e diffonderne le immagini senza una precisa autorizzazione da parte degli Enti territoriali che li hanno in consegna.

Altra novità di questa edizione è “Wiki Loves Monuments tutto l’anno”, un’iniziativa tutta genovese lanciata nel marzo scorso da Open Genova con l’associazione Culturale Sintesi: i partecipanti hanno potuto già iniziare a produrre materiale fotografico, da utilizzare per il concorso, durante le Wiki Gite organizzate nel corso dell'anno.

I partecipanti al concorso devono caricare le foto su Wikimedia Commons attraverso il sito www.wikilovesmonuments.it e possono essere state scattate in qualsiasi momento. Non è quindi necessario che si tratti di un’immagine recente: si potrà anche inviare uno scatto del passato. L’importante è che il monumento sia fra quelli in elenco.

Di seguito la lista dei dieci nuovi monumenti che si possono fotografare liberamente:

1.Compendio Immobiliare relativo al Parco Duchessa di Galliera - Vico Nicolò da Corte, 2 (Voltri)
2. Forte Begato -  Via al Forte di Begato
3. Villa Imperiale Cattaneo a Terralba, Via San Fruttuoso, 70
4. Villa Centurione Doria -  Piazza Cristoforo Bonavino 6
5. Villa Rossi Martini -  Piazza Poch 2
6. Villa Gropallo - Via Casotti, 1
7. Villa Serra Saluzzo - Via Capolungo 3
8. Villa Grimaldi Fassi -  Via Capolungo 9
9. Villa Luxoro -  Via Mafalda di Savoia 3
10.Area protetta di interesse locale Parco delle Mura e Planetario - Via Mura delle Chiappe, 44r

Questi tutti i monumenti che hanno partecipato alle precedenti edizioni e che si possono fotografare anche quest’anno:

Cimitero di Staglieno (particolari di statue e tombe di famiglia) - Staglieno Piazzale   Resasco
Commenda di San Giovanni di Pré - Piazza della Commenda
Loggia dei Mercanti - Piazza dei Banchi
Musei di Strada Nuova (Palazzo Rosso, Bianco, Tursi) - via Garibaldi
Museo Risorgimento e Casa natale G. Mazzini - via Lomellini, 11
Palazzo Verde Magazzini dell’Abbondanza - via del Molo
Parco e i Musei di Nervi - via Capolungo 3
Parco e Villa Pallavicini - via Ignazio Pallavicini 5
Porta Soprana - Piano di S. Andrea
Teatro Carlo Felice e Statua di Garibaldi - Passo Eugenio Montale, 4
Torre degli Embriaci - Piazza degli Embriaci
Torre della Lanterna - Rampa della Lanterna
Via del Campo 29r – Emporio museo musicale - via del Campo, 29r
Villa Croce - via J. Ruffini, 3
Villetta Di Negro e Museo Arte Orientale E. Chiossone - Piazzale Mazzini, 4
Castello D’Albertis -  Museo delle Culture del Mondo -  Corso Dogali, 18
Fontana di Piazza De Ferrari - Piazza De Ferrari
Scalinata Giorgio Borghese -  Piazza Tommaseo
Monumento a Vittorio Emanuele II (F. Barzaghi e L.Pagani) - Piazza Corvetto
Monumento a Giuseppe Mazzini (P. Costa) -  Piazzale Mazzini
Monumento ai caduti di San Vincenzo Alto (F. Messina) - Piazza Goffredo Villa   (Castelletto)
Monumento a Cristoforo Colombo di vari autori -  Piazza Acquaverde
Monumento ai Mille (E. Baroni) -  Quarto ai Mille
Monumento al Fante (i Mutilati – E. Baroni) - Corso Aurelio Saffi, 1
Monumento a Raffaele Rubattino (Augusto Rivalta) -  Piazza Caricamento
Monumento al pittore Nicolò Barabino di Augusto Rivalta -  Piazza Nicolò Barabino (Sampierdarena)
Il Tempietto (ex Cappella mortuaria – A Scaniglia) - Via Carlo Rolando
Fontana monumentale (costruita dalla Cooperativa di costruzioni) -  Piazza Luigi Settembrini
Villa Imperiale Scassi “La Bellezza” -  Largo Pietro Gozzano, 3
Villa Spinola di San Pietro - Via Spinola di San Pietro,1
Teatro Gustavo Modena -  Piazza Gustavo Modena, 3
Villa Centurione Monastero - Piazza Monastero, 6

L’edizione 2017 è realizzata grazie al sostegno di Euronics ed Enegan Luce&Gas, in collaborazione con FIAF, ICOM, Toscana Foto Festival, APT Emilia Romagna, Touring Club Italiano, Fondation Grand Paradis e BASE Milano e con il supporto di comunicazione di Archeomatica.

Per tutte le informazioni su come aderire al concorso e come partecipare CLICCA QUI